E se improvvisamente il/la tua/o partner ti chiedesse una relazione più aperta? Ecco alcuni consigli

Sicuramente in più di un’occasione hai pensato che ciò non è affatto per te, ma cosa succede se il tuo partner te lo proponesse? Qual sarebbe il modo migliore per affrontare la situazione?

Mai dire mai.
L’hai visto in varie serie televisive e film. Sai che alcune coppie di Hollywood hanno parlato apertamente di questo. Anche alcuni amici ti hanno detto che l’hanno già messo in pratica. Concetti come la relazione aperta e la questione del poliamore sono sempre più presenti nel nostro immaginario emotivo, e sebbene tu possa aver pensato che non è per te, mai dire mai. La monogamia e le coppie tradizionali sono sempre stati una realtà, ma ora nel dibattito pubblico suscita dubbi. Saresti in grado di darti una possibilità? Cosa succederebbe se il tuo partner ti proponesse siffatta cosa senza darti il ​​tempo di pensarci? L’importante è non farsi prendere dal panico.

1. Chiariamo un paio di termini
Prima di entrare nel contesto, dobbiamo chiarire quali sono tutti quei termini che hai sentito in relazione a nuove relazioni e alla fine della monogamia. Cos’è una relazione aperta? E laparola poliamore? Cos’è l’anarchia relazionale? Mi riferisco a una relazione aperta quando i partner o membri del rapporto possono essere più di due, così da raggiungere un accordo che possa avere rapporti al di fuori di tale relazione rapporto. “Polyamory”,  d’altra parte, consiste in rapporti, siano essi sessuali o emotivi, che coinvolgono più di due membri, e possono anche sovrapporsi con rapporti aperti. Nell’anarchia relazionale non ci sono regole o accordi come questi. Sono relazioni prive di etichette o norme che li limitano. Nel rapporto “aperto” c’è un accordo in cui puoi fare sesso con altre persone, con il consenso di entrambe le parti, senza coinvolgere l’infedeltà; in poliamore ci sono relazioni simultanee durature, sia sessuali che sentimentali, nella stessa posizione gerarchica, con la stessa implicazione emotiva.

2. Perché siamo così spaventati
Sono concetti che su carta (o sullo schermo) suonano un po’ freddi, ma la cosa cambia quando il tuo partner alza la conversazione. Perché è così spaventoso per noi mettere in discussione la monogamia? Siamo riluttanti perché la cultura ci ha insegnato che è appropriato avere un unico partner, e c’è una pressione sociale verso altri tipi di relazioni. La realtà è che non sono qualcosa di così nuovo, ma se vengono portati alla luce, nel corso degli anni saranno normalizzati perché ora i giovani stanno già sperimentando simili rapporti. “Il Polyamory” esiste da anni, ma ora è con i social network e l’immensa fonte di Internet che le persone hanno iniziato a conoscerlo, allargando a dismisura i loro orizzonti. Non penso che questa sia la fine della monogamia, dal momento che è una formula che funziona e continuerà a farlo. La cosa più costruttiva è pensare che ci siano altre relazioni ugualmente valide e che dovrebbero essere normalizzate nella società.

3. Conseguenza di una crisi?
Ora che stiamo mettendo le carte sul tavolo, rivolgiamo un’altra domanda che sicuramente ti sei posto. Proponiamo queste relazioni per risolvere una crisi di coppia o superare l’infedeltà? Quelle coppie che vogliono un figlio mi vengono in mente che lo desiderino per aggiustare la relazione, la mia opinione è che a priori non suona molto bene, potrebbe essere la soluzione o no. In uno scenario ideale, la proposta di coppia aperta deve partire da un rapporto di comunicazione e da una fiducia importante, e forse una crisi non è il momento migliore per questi cambiamenti. Non è giusto per le persone che lo scelgano per una motivazione autentica, ma ci sono persone che lo propongono come alternativa intermedia perché non osano fare un passo più grande “.

4. Il sesso non è (così) importante
Un altro dubbio dei malpensanti. Le relazioni aperte e poliamore sono un modo per fornire l’assenza di desiderio sessuale ? Non ci credo, a volte una vita erotica soddisfacente e felice ci fa partire da una solida base dove le altre opzioni di relazione hanno più spazio. Tendiamo a fare una valutazione mercantilistica dell’erotismo, in cui se abbiamo molti incontri e orgasmi significa che la coppia sta andando bene. Questo non è il caso. Forse una coppia con un minor numero di incontri sarà più felice e totalmente riuscita. C’è da dire, però, che molte coppie non considererebbero questo se la loro vita sessuale fosse più soddisfacente, infatti la considerano una soluzione intermedia per uscire dalla routine o sperimentare cose nuove con persone nuove.

5. Se non è per te, non succede nulla
Non penso che tutti dobbiamo considerare o essere preparati per una relazione aperta o per condividere il nostro amore. Se decidi di concentrarti in questo modo, dovresti allenare il tuo pensiero su ciò che è infedeltà o no e altre credenze irrazionali. Dipende anche dalla convinzione: se sei certo che lo vuoi, non devi allenare nulla, sarà naturale “.

6. Come affrontare quella conversazione
Ho lasciato alla fine quello che avremmo dovuto provare all’inizio, ma ora capiremo molto meglio come affrontare quel momento. Il tuo partner vuole una relazione aperta. E adesso? La prima cosa da verificare è se lo vogliamo o no, è importante fare questo lavoro personale, perché l’accesso a qualcosa che non vuoi veramente ha un impatto emotivo devastante. Dobbiamo riflettere sui desideri di entrambi i partner, concordare sul tipo di relazione che si desidera e stabilire un accordo su come ci si relazionerà da quel momento in poi.

Annunci

Pianificare la vita sessuale è l’unico modo per salvare la nostra relazione

Una volta stabilita una relazione, le parole “calendario” e “agenda” iniziano a guadagnare importanza. Probabilmente non sembra molto sexy, ma la maggior parte di noi ha una vita piena di impegni. Se non ci riserviamo il tempo per il sesso, potremmo avere dei non semplici problemi da risolvere.  Ma, in realtà, tutti noi programmiamo il ​​sesso. Lo facciamo quando usciamo con qualcuno. O meglio, quando incontriamo qualcuno per un appuntamento, di solito con la speranza che la serata finisca in passione e fuochi d’artificio. Avere un partner significa che c’è sempre qualcuno lì quando sei stimolato. Ma quella fiducia intima ha un lato negativo: è facile per la relazione smettere di essere una priorità perché facciamo nostra l’idea che il nostro/a compagno/a sarà sempre lì per noi.

Quando si presentano opportunità di lavoro, obblighi familiari e piani divertenti con gli amici, a volte è facile dire di sì a qualsiasi altra cosa e dimenticare di lasciare da parte il tempo da soli con la propria  fidanzata. Sebbene quel livello di fiducia e sicurezza sia vitale per per far resistere il rapporto al passare del tempo, le relazioni meritano un investimento maggiore rispetto al sesso portato avanti come routine e recuperare la situazione prima di bere un caffè o di prepararsi per andare al lavoro è una vera panacea. Pianificando un momento specifico per il sesso, che si tratti di un appuntamento romantico o di una serata intima sul divano, faremo si che il partner si senta il nostro primario obiettivo durante quelle ore.

Primariamente dobbiamo affrontare la conversazione delicatamente con “dobbiamo iniziare a pianificare il sesso” (non vorrai che la tua compagna si difenda con un “pensi che non andiamo a letto abbastanza?”). Ed ecco un consiglio: incolpati . “Ehi, amore della mia vita, con il lavoro e cose simili, passo poco tempo con te. Mi dispiace! Potremmo lasciare le domeniche libere per trascorrere momenti di passione nel nostro bel letto a baldacchino e fare cose folli. Ti amo. A proposito, i tuoi capelli sono particolarmente fantastici. E tu sei molto più intelligente di me.” Super facile, no?

Ricordiamoci i primi giorni della nostra relazione. Avevamo l’abitudine di scrivere alla nostra ragazza chiedendole quale fosse il suo programma per la settimana seguente perché avevamo piacere di portarla a cena. E certi di non averlo dimenticato e di averla piantata come una deficiente, segnavamo la data sul calendario.
Non è necessario inviare un invito con lo scadenzario che riporta “SESSO”, ma quando diciamo di pianificare, significa che lo dobbiamo fare davvero. All’inizio della settimana, prima di essere coinvolti in piani non sessuali, scegliamo un giorno in cui saremo liberi e battezziamo quella notte come “date night”. Se puntiamo alla varietà, diamo ad ogni appuntamento un tema: Night of fetishes! Serata per fare colazione all’ora di cena! Notte per provare certi ‘movimenti’! Qualunque cosa sia speciale nella nostra relazione.

Mettere letteralmente “l’appuntamento” nel calendario aiuta a pianificare il resto delle attività intorno ad esso, invece di dire sempre “beh, vedrò la mia ragazza questo fine settimana”. Bonus: per le donne in particolare, avere una data stabilita – qualcosa che nessuno è autorizzato a saltare – aiuta a creare aspettative. I preliminari iniziano molto prima di toccare le lenzuola, ricordatelo.

Il coordinamento è indubbiamente molto più intenso quando si hanno più partner . Esiste persino un’app. creata da una famiglia poliamorosa  (poliamore altro non è che una idea filosofica che ammette la possibilità che una persona abbia più relazioni intime contemporaneamente), con l’unico scopo di organizzare la vita e tutto il sesso che ciò comporta. Potremmo essere in una relazione seria e monogama e pensare: “Io non sono un poliziotto, non vado nemmeno al festival Burning Man”. Giusto, ma anche se hai una relazione monogama, puoi imparare una cosa o due sul poliamore. Ad esempio, se hai un capo che richiede attenzione, i colleghi che vogliono andare a bere qualche birra dopo il lavoro, la famiglia da visitare e gli amici single che vogliono che tu trascorra il sabato aiutandoli a flirtare. Capito? Dal punto di vista della pianificazione, siamo più poli di quanto pensiamo. Il nostro partner potrebbe sentirsi dimenticato o geloso/a di altre persone nella nostra vita. Quindi di tanto in tanto, dimentichiamoci gli altri. Diciamo qualcosa tipo “il mio capo mi sta facendo impazzire e ultimamente i miei amici sono insopportabili. Posso portarti a cena giovedì, quindi spegni i telefoni cellulari e dedicati solo al sottoscritto. Sei il miglior sesso che ho avuto nella mia vita, a proposito, te l’ho mai detto? E poi, non ho mai avuto conversazioni così stimolanti intellettualmente dopo aver fatto l’amore. Sei una dea del sesso e un genio.” L’adulazione ci porterà ovunque.