Muore nella sua cella noto serial killer tedesco mentre stava praticando su se stesso un bizzarro gioco sessuale con l’elettricità

La vittima era un noto serial killer tedesco, il quale è stato trovato con un cavo della lampada collegato ai capezzoli e intorno ai genitali e connesso all’alimentazione. Egidio Shiffer, questo il suo nome, morirà folgorato, mentre stava attuando il suo perverso piacere sessuale con i cavi dell’elettricità.

Questo assassino, popolarmente conosciuto in Germania come ‘Lo strangolatore di Aachen’, è stato trovato morto domenica nella sua cella. Schiffer, che era tenuto prigioniero nel carcere di Bochum, nello stato federale del Nord Reno-Westfalia (Germania), è stato rinvenuto con un cavo della lampada collegata ai capezzoli e intorno ai genitali.

Il defunto aveva collegato il cavo alla rete ed è così che lo hanno trovato i funzionari, quando Domenica mattina hanno aperto la porta della sua cella. La polizia tedesca ha stabilito che l’uomo è deceduto durante il tentativo di uno strano atto sessuale.

Schiffer aveva ucciso tra il 1983 e il 1990 cinque donne. Nel 2008 è stato condannato all’ergastolo. Lui ha trasformato il tutto in una specie di sedia elettrica.

Annunci

La storia dei nostri anni ’70 in sette parti. Quarta parte, il 1976: grandi ideali, battaglie socio politiche e…

1976. Il livello di maturazione intellettuale aumenta decisamente, grazie all’azione logistica dell’anno precedente. La tecnologia si propaga senza mai fermarsi e costituisce un valido apporto al mondo dell’informazione. E’ un anno che si contraddistingue per i grandi ideali e per le innumerevoli battaglie socio-politiche. Purtroppo è ricordato anche per il terremoto in Friuli, che causerà la morte a più di mille persone, e per la nube tossica alla diossina che ammanterà di paura l’intero paese di Seveso. La novità assoluta sono le radio libere, nate e cresciute nel 1975, che diventano veramente rampa di lancio delle case discografiche. Lo scudetto è del Torino con i suoi grandi giocatori: Paolino Pulici, Francesco Graziani (detti gemelli del goal) e Claudio Sala. Adriano Panatta e il tuffatore Klaus Di Biasi che trionfa nella sua specialità alle olimpiadi sono altri due rappresentanti vincenti dello sport italiano.

image

Nascono in questo periodo il movimento “freak” e, più tardi, il “punk”, manifestazione del disagio giovanile che si espanderà maggiormente l’anno successivo. Il cinema presenta due capolavori molto discussi, “Casanova” di Fellini e “Novecento” di Bertolucci. Ma crea vero e proprio scandalo “L’impero dei sensi” di Nagisa Oshima, che in Italia verrà censurato. “Taxi Driver” di Martin Scorsese, sarà invece apprezzato in tutte le sale. Si affacciano timidamente le prime televisioni private, mentre la Rai presenta il telefilm “Sandokan”, mentre il programma di Enzo Arbore “l’Altra Domenica”, ha il grande merito di lanciare volti nuovi divenuti in breve tempo molto popolari.

image       image

E’ l’anno delle canzoni “Ancora tu” di Lucio Battisti, “Canzone d’amore” delle Orme, “Rimmel” di Francesco De Gregori, mentre dall’estero la fanno da padrone “You to me are everything” dei Real Thing e “I’m not in love” dei 10CC. Chi di noi non ha ascoltato nella propria camera, o nel juke-box del bar frequentato, queste eterne melodie rappresentative di un periodo in cui i giovani vivevano di sogni e speranze che andavano dal comprarsi il motorino, al giocare a calcio nell’Inter o nella Juve, al conoscere il cantante del momento, al passeggiare romanticamente con la ragazza più bella del liceo, quella a cui non avresti mai chiesto di fare sesso poiché con lei toccavi il cielo con un dito, ti sentivi realizzato, ritrovavi la gioia dopo un 4 in matematica e tutto ciò era già tantissimo…

image

Erano grandissime sensazioni, oggi ridimensionate a normali considerazioni senza quella cornice di romanticismo che addolciva ogni nostra giornata. Chi può dimenticarsi il primo bacio, magari sulla spiaggia, magari in quel di Forte dei Marmi, magari a una ragazza fiorentina che ti aveva fatto perdere la testa. Quel suo modo di ridere, di guardarti, di sfiorarti, e te che gli raccontavi delle tue peripezie calcistiche per farti grande, mentre a lei interessavano solo parole dolci e piene di passione, perché forse dopo, al rientro dalle vacanze, il tutto si sarebbe concluso per sempre. E, allora, via con il registratore e la cassetta inserita di Baglioni, con il primo tentativo di toccarle delicatamente il seno e con il ripensamento istantaneo di non farlo per non sciupare tutto…e dopo, invece, lei candidamente che si avvicinava e ti donava le sue morbide e fresche labbra… Questo era il 1976.