Ammalarsi gravemente a causa della Coca Cola

Donna Gunner, 51enne di Somerset (Regno Unito), ha riconosciuto di essere andata fuori di testa per aver consumato 30 lattine di Coca-Cola al giorno per oltre 20 anni: una distruttiva abitudine che le ha fatto spendere ben $ 69.000 da quando ha iniziato a bere questa bevanda, come riporta il Daily Mirror.

Una lattina di Coca era la prima cosa a cui pensava appena sveglia. Con tale dipendenza Donna, era come se mangiasse 1 kg di zucchero, pari a 4.170 calorie al giorno, costringendola a ingrassare di diverse taglie, ad ammalarsi di diabete di tipo II e generare seri problemi alla pressione arteriosa.

Inoltre, come scritto sopra, il vizio le è costato non poco. Al quotidiano inglese ha detto “Ero totalmente dipendente e ho dovuto sopportare dolori immensi dovuti all’astinenza da caffeina, quando ho cercato di smettere di bere la soda”. Ero continuamente in stato d’ agitazione, mal di testa e voglie notturne continuative, proprio come un tossicodipendente, ma sapevo che dovevo cambiare “, ha aggiunto.

Guardando indietro, mi sento disgustata dalla quantità di denaro che ho sprecato e per ciò che ho fatto al mio corpo “ , ha terminato.

Per liberarsi dal vizio, la signora Gunner ha perso molto peso e la sua saluta è migliorata notevolmente, ma riconosce ancora di sentire “desiderio di Coca-Cola.”

 

Annunci

Sette motivi per cui le donne vogliono fare sesso e sette ragioni per le quali dicono “no”

Quando un uomo osa fare il passo per ottenere una relazione sessuale, può essere piacevolmente sorpreso dal fatto che la donna coincida con il suo desiderio o, il dispiacere di ricevere un “no”. Ma cos’è che porta una donna a dare una risposta negativa? Secondo gli esperti, la sensazione di amore è la prima ragione per cui una donna vuole fare sesso con il suo partner, ma vengono anche aggiunti altri motivi che portano le donne ad avere una relazione sessuale:

– L’attrattiva dell’uomo è posta come elemento principale quando si risveglia la libido sessuale.

– L’esperienza del piacere fisico è una ragione più basilare, perchè il desiderio sessuale appartiene anche alle donne. Un buon orgasmo è una ragione più che sufficiente per dire sì all’uomo giusto.

– Sicurezza in sé e sentirsi bene, perché quando una donna si vede attraente e bella aumenta il desiderio di dimostrare la propria capacità di seduzione.

– Esprima o dimostri amore e affetto, qualcosa che accade soprattutto nelle relazioni stabili e che sarà sempre presente nel sesso.

– Stato di eccitazione. Una donna eccitata e stimolata correttamente attraverso il processo di seduzione scatena tutta la sua libido.

– Stimolazione mentale. Un uomo che la diverte, empatico e con un’ottima parlantina può essere uno stimolo per le donne. Allo stesso modo, gli uomini sicuri di sé, con un carattere forte, ma piacevole, possono essere molto apprezzati.

 

Anche se non tutte le donne usano il sesso come un modo per superare la mancanza di amore o di rifiuto, è vero che molte di loro sono più ricettive dopo un episodio di questo tipo.

La risposta “no

Per quanto riguarda le questioni che portano ad un “no” secco,  sono collegate a questioni strettamente correlate alle precedenti. Una scarsa cura fisica o argomenti non interessanti e stimolanti sono sufficienti per un deciso diniego. Queste sono le principali conclusioni di molte donne:

-Un uomo che si prende poca cura del proprio fisico ha l’80% di possibilità di ricevere una risposta negativa se cerca di sedurre una donna. L’attenzione personale è decisiva nell’attrazione fisica e non approfittarne ne valuta il valore in modo importante.

-Eccesso di «sfregamento». Sentire che lo spazio vitale è stato invaso ripetutamente senza aver concesso questo permesso è qualcosa che nove donne su dieci non apprezzano. La sottile differenza tra sedurre e molestare.

-Un uomo noioso. Quando non c’è iniziativa, il dialogo o la conversazione non è interessante significa dire addio al sesso.

-Quando una donna non si sente a proprio agio con se stessa, non si trova attraente o sta attraversando un momento di fragilità morale, non importa se George Clooney o Brad Pitt incrociano la sua strada. In queste circostanze, il sesso è qualcosa di accessorio e poco motivante per lei.

-Le mestruazioni. In quei giorni quasi il 75% delle donne è poco o non è ricettivo a fare sesso, indipendentemente da altri fattori che possono non stimolare i sintomi per fare sesso.

-Il posto. Il rifiuto di fare sesso in posti scomodi come un’auto, un bagno o una stanza  d’albergo di terz’ordine è più comune di quanto sembri. Sebbene esistano donne intrepide che mettono il loro desiderio sessuale prima di altre circostanze, è vero che il confort è la cosa più importante per la maggioranza.

-Sentirsi solo un oggetto. Uno dei motivi principali del “no” alle relazioni sessuali è che l’altra persona faccia sentire la donna come un oggetto con tecniche di seduzione sessiste che non le fanno capire di essere apprezzata.

 

Abusi sessuali e rituali di sangue: l’orrore in una scuola circense in Australia

Una scuola di circo da tempo pubblicizzava il proprio operato come “ l’opportunità di apprendere tutti i segreti circensi con divertimento e disciplina”, ma in realtà era solo la mostruosa facciata di uno spettacolo dell’orrore, tra cui rapimenti e abusi sessuali.
Il circo Arcade si trova in un deposito fatto di mattoni in rovina presso Katoomba, una cittadina rurale australiana nella zona delle Blue Mountains. Lunedì, gli investigatori hanno arrestato sette persone, cinque donne e due uomini, messo i sigilli alla scuola con l’accusa di aver molestato tre bambini tra il 2014 e il 2016, in base a un comunicato stampa da parte della polizia nel New South Wales. L’Australian Broadcasting Corporation (ABC) ha riferito che i tre bambini, tutti sotto gli 8 anni non erano studenti della scuola, ma sono stati attirati presso il circo diabolico con la scusa di insegnarli tutte le magie circensi.

In totale, gli imputati, tra cui i fratelli Teresa e Paul Cook, la figlia di Teresa, Yyani, e Meredith, figlia adottiva di Teresa si affacciano al processo con 127 accuse penali, tra cui stupro, sequestro di persona, aggravata violenza sessuale e materiale pedopornografico. Altri tre imputati non sono stati identificati poiché minorenni.
Citando i documenti del tribunale, l’ ABC ha riferito che almeno uno degli attacchi si è verificato il 25 aprile, 2016 durante  The Anzac Day, una vacanza australiana in onore dei veterani militari. Quel giorno, Teresa e gli altri hanno violentato a sangue due bambini, di età compresa tra 4 e 7 anni. I fratelli Cook, stando ai rapporti del PM avrebbero costretto i loro figli ad avere rapporti sessuali con questi bambini.

Paul Cook avrebbe ideato le efferate aggressioni sessuali, ma senza parteciparvi attivamente, mentre Meredith è accusata di aver violentato una delle vittime per ben sette volte.
Certi giorni gli stupri si sono verificati alla presenza di altre persone, secondo i documenti delle forze dell’ordine. ABC ha anche riferito che la polizia ha detto che le vittime sono state sottoposte ad un “rituale di sangue”, dove sono stati costretti a bere il proprio in almeno un’occasione. Gli agenti non hanno specificato da quanto le vittime erano state catturate dagli accusati.

Finora non ci sono state accuse di studenti della scuola di circo, che ha chiuso i battenti per l’indagine ancora in corso.

Nella foto in alto: Teresa Cook e un’immagine del circo dei mostri

Marito e moglie vendono tutto per farsi la barca e navigare in tutto il mondo, ma…

Tanner Broadwell (26anni) e Nikki Walsh (24anni), hanno deciso di liberarsi di tutti i loro averi per realizzare il sogno di navigare toccando i porti di tutto il mondo. Hanno così acquistato una barca, ma la felicità è durata solo due giorni.

image

La barca dei due sposini.

La coppia del Colorado (USA), è riuscitia a raccogliere quanto più denaro possibile e dopo aver acquistato la sua “Love Boat” è partita verso l’avventura, ma dopo due giorni i servizi di emergenza hanno ricevuto una chiamata che li informava che una imbarcazione si era rovesciata nel Golfo del Messico, vicino Madeira: era la barca di Tanner e Nikki.

image

La barca di Tanner e Nikki dopo la collisione

Anche se i giovani e il loro cucciolo di Carlino, Remy, sono riusciti a mettersi in salvo appena in tempo, tutto ciò che avevano nella barca è affondato miseramente. Quando un’imbarcazione è venuta a recuperarli Nikki ha detto ” Abbiamo perso tutto, ma proprio tutto, e ogni cosa era senza assicurazione, ma siamo riusciti ad arrivare a terra e non lasceremo di certo naufragare i nostri sogni”. 

Anche Tanner, ha subito aggiunto ” Ho venduto tutto ciò che avevo e ho perso ogni cosa nel giro di venti minuti. Ma non ho assoluta intenzione di mollare per un incidente di cui non sappiamo ancora la dinamica. Siamo entrati in collisione con un oggetto che non è stato identificato. Il sogno, però, continuerà…altro se continuerà!”  

Se lo dicono loro!!!!

 

 

Sulle donne che adorano l’uomo brutto… ma affascinante!

L’allarme è stato fatto scattare da Julia Roberts agli inizi degli anni ’90, quando ha stupito tutti sposandosi con Kiefer Sutherland, ma facendo raggiungere attimi di vero panico ai fans quando è tornata sull’altare con Lyle Lovett, sicuramente l’uomo vivente più brutto dell’epoca moderna.

   La Roberts con Lovett

Lei, a quei tempi, era stata definita la fidanzata d’America e tutto quello che faceva veniva, in qualche modo, legittimato.

Ergo, unirsi con i brutti si è convertito in tendenza.

Inma del Moral con Pedro Ruiz

Così, le coppie asimmetriche come Angelina Jolie e Billy Bob Thornton, Mira Sorvino e Quentin Tarantino, Inma del Moral con Pedro Ruiz, Monica Bellucci e Vincent Cassell, Megan Fox e Brian Austin Green sono passate sotto i nostri radar, senza turbolenze.

   Angelina Jolie e Billy Bob Thornton

La teoria del sottoscritto è che, incontrandosi i termini maschili delle equazioni proposte, con quelli femminili, inclusi entro lo star system, è presupposto di questi tipi simpatici, ma brutti, un know how comportamentale che fa sì che le bellissime signorine possano invaghirsi di costoro senza la minima complicazione. Raro, ma possibile e promettente. In ogni modo, oggi vi parleremo di gente senza know how, impiegati distinti come voi, perfettamente vestiti con pettinature avanguardiste, ma con il piccolo difetto di essere brutti. Cosa questa da non, assolutamente, vergognarsi. Prendete uno specchio in mano, riflettetevi e ripetete: “Sono brutto, ma molto seducente.” Una volta assimilata la quasi verità, potete avanzare spediti.

E sapete una cosa? E qui entra in gioco la voce dell’esperienza molto soave e carica di ragione. Come giornalista ho l’obbligo di sfogliare e interessarmi a donne molto belle, soprattutto per la rubrica Moda, la maggioranza delle volte incoscienti del loro potere “incantatorio”. Sono ragazze che, come la già citata Julia Roberts in “Notting Hill”, vogliono al loro fianco solo semplici librai che le amino. “After all… I’m just a girl, standing in front of a boy, asking him to love her”. In realtà, quando la cosa diventa seria, tipo se le muore il pappagallo, o intensa, le amiche la odiano perché è la più bella della zona, una spalla su cui piangere, sebbene non sia quella di Brad Pitt, la trovano sempre, magari senza muscoli o tatuaggi. Le tecniche che dovete seguire per sedurre una donna fisicamente prepotente sono: l’indifferenza rispetto alla sua bellezza, moltiplicare il convincimento in voi stessi.

Quindi, si troveranno con qualcuno che, finalmente, sa collegare due frasi ravvicinate (qualcosa non così tanto frequente, ve lo garantisco) aggiunto al fatto che se, appartenendo a stirpi genetiche distinte, si sentiranno in diritto di essere abbordate.

1) Mostratevi audaci. Tutti sappiamo che i tipi il cui secondo nome è “Pericolo” finiscono per fare strage di cuori.

2) Puntate dritti verso i loro segreti, che non si vedono a prima vista, ma che meritano di essere decifrati. Capterete immediatamente, dopo il sesto caffè, che la loro “altissima” bellezza non è all’estenuante ricerca dell’alter ego maschile, e pian piano finiranno per confessare “A me, voglio essere sincera, piacciono brutti e/o calvi e/o grassi e /o bassi ”.

Riflessioni sul tema.

Non si capisce, in detto punto 2, tale apologia dell’eugenetica -dove si preferisce a George Clooney un Danny de Vito qualunque, o almeno non solo quest’ultimo- ma crediamo che non sia politicamente scorretto offendersi quando uno che corre 20 chilometri al giorno, si condisce il cuoio capelluto con mille ed una fiale ristrutturante, gioca a calcetto i giorni dispari, si fa chiamare ironman, venga accreditato come una grande e bella chiavica solo muscoli e forza, e non rimanga molto simpatico all’operaio dell’Ansaldo Breda o alla più bella del reame.

   3) Ne derivano tre tipologie di donne :  A) Quelle politicamente corrette, che pensano    che tale concessione le renda meno superficiali;  B) Quelle che non hanno autostima e che  devono sapersi, in qualche modo, superiori al loro partner; C) Quelle stravaganti. Se non è  possibile realizzare nessuna delle condizioni negative a priori che questo collettivo richiede  perché siate scelti, e cioè farvi capire che a loro piacciono quelli troppo belli, alti, palestrati,  tengo a puntualizzare che tale scomparto C risulta, dopo approfonditi studi, molto più  vantaggioso rispetto alle norme shakespeariane dettate in “Romeo e Giulietta”, dove ognuno  veniva posizionato solo ed esclusivamente con quelli della loro stirpe nobiliare, e queste,  come negarlo, sembrano proprio ottime notizie. 

 

La foto sopra il titolo: Brooke Shields e Andre Agassi

               ie.

Tremo, quando sento parlare della Magistratura italiana. Vi spiego perchè

Sì, ho paura, anzi terrore della magistratura. L’ho detto centinaia di volte, soprattutto perchè ho avuto a che fare anch’io con questo potere totalitario ed esclusivo che può decidere il resto della tua vita, di un popolo, di uno Stato, di un governo e ti riduce a suo schiavo. La giustizia dovrebbe essere il più grande argine al male, ma purtroppo vivendo in una realtà dove i principi e i giudizi etici e culturali sono relativi a norme prestabilite da certi individui, non esiste più alcuna morale civile e giuridica. Quindi, i magistrati possono tranquillamente sentenziare a loro nome, disponendo di un potere enorme che spaventa il ricco, meno, e il povero, molto di più. Infatti è la stessa magistratura a interpretare la legge, una legge con la g minuscola. Pertanto, se obbligati a trovare qualche differenza tra il potere dei giudici e quello dei grandi teologi sciiti, è che quest’ultimi agiscono per conto e nel nome di una religione antichissima, fortemente radicata e condivisa da milioni di persone che rispettano il volere degli ayatollah. I pm, i gip, i gup e via dicendo, al contrario, sono i portavoce di una casta che usa esclusivamente la forza del suo potere immenso, cioè negare la libertà ad un essere umano solo ed esclusivamente secondo la propria non discutibile interpretazione della legge.

Ho testato sulle mie spalle che il limite tra le prove provate e gli indizi vengono, senza la minima perplessità, superati a loro discrezione e lo stesso avviene tra imputati e testimoni se i secondi non confermano gli “ordini” del giudice. A questo punto ogni diritto e garanzia non hanno più alcun valore di fronte ai dettami delle toghe nere. Ai giudici non importa niente se con le loro, più volte, errate sentenze distruggono la vita di una persona o determinano effetti pubblici ed economici devastanti. Riescono a dormire sereni e tra dozzine di guanciali, ognuno dei quali rappresenta un innocente sbattuto in galera. Questi personaggi sono liberi di distruggere industrie di primaria importanza, partiti politici, imprenditori, governi, intiere famiglie. Appena credono di avere in mano il Pacciani della situazione, informano la stampa affinchè i media sappianodelle loro gesta eroiche. Poi, il Pacciani, risulterà essere un semplice impiegato di un’azienda che per voler difendere il proprio datore di lavoro da comportamenti da pervertito, è caduto come una mosca nella ragnatela mortale dei magistrati. E allora via alla gogna mediateca, pur sapendo (i giudici) di non aver davanti il Mostro di Firenze; tanto indietro non torneranno mai.

Pertanto, non possiamo che parlare di vendicativo arbitrio perpetrato nel nome della loro legge, avvolta da funesta oggettività e innegabile obbligarietà, e con la consapevolezza che nessuno potrà fermare questa barbarie contro l’innocente di turno. Infatti, costoro non saranno mai sottoposti al minimo vincolo da rispettare se non una giustizia che loro stessi manipolano a piacimento. Eppure, sono certo che non tutti sono così, ma basta un piccolo numero di spietati pistoleri della legge e tutto va in monte. Sì, perchè certuni -approfittandosi della nostra società ormai aperta al nullismo totale- ove il male si confonde con il bene, in cui tutto è basato sul soggettivismo, si ammantano indisturbati di un potere senza regole di cui fanno costantemente abuso. Così nessuno, nemmeno un Presidente del Consiglio o il Capo dello Stato, possono fermare tale infausta azione distruttiva, in quanto ben protetti da chiunque mettesse in dubbio questo loro agire sconsiderato. Come ormai ci siamo resi conto da tempo, tutti, anche il politico più in vista, è tenuto a rispondere del suo operato: al suo schieramento, agli elettori, ai giudici…

Il magistrato, invece, assolutamente no! Il CSM che dovrebbe punire chi sbaglia è, nella reltà dei fatti, un organo di autodifesa, anzi, di auto-legittimazione, poichè la magistratura sarà sempre e comunque protetta dalla sua parziale autonomia e dalle norme che prevedono di santificare i loro precetti per mantenere intatto il potere. La magistratura ha da anni negata la ragion di Stato, e questo ha portato alla totale cancellazione della civiltà giuridica romana, presa ad esempio da quasi tutti i Paesi del mondo. Legittimandosi per conto proprio, si ciba delle sue interpretazioni e fa uso della Polizia Giudiziaria per far applicare i suoi verdetti.
Ora come ora se vogliamo mettere un freno a tutte queste condanne di innocenti e a tale abuso indiscriminato di potere (per rendersi conto dello sfacelo collegatevi a http://www.errorigiudiziari.com) è che il Presidente della Repubblica, unitamente al potere esecutivo e legislativo, si muovano per cambiare, mettere un freno, esaminare attentamente questo illegale modo di esercitare il potere con i suoi luttuosi effetti. Un’altra possibilità è disarmare i giudici che abusano del loro immenso potere disinnescando gli ordigni mortali che stanno seminando nella società italiana. Ormai il mostro è nato, qualcuno deve bloccarlo o arriveremo al punto di dover chiedere il permesso al magistrato di zona anche per andare a comprarsi un gelato. Troppi hanno pagato le decisioni del Mostro, in reputazione, in denaro, in visibilità, in salute…E’ arrivata l’ora di esigere una giustizia che non guardi in faccia a nessuno, solo una giustizia giusta. Quella che io non conosco.

In Spagna una bambina di 11 anni ha dato alla luce un figlio il cui padre è il fratello quattordicenne

La ragazzina, di nazionalità boliviana e di cui non si hanno ulteriori dettagli in quanto minorenne, ha avvertito giorni fa fortissimi dolori addominali e, in seguito, ha dato alla luce un bambino, nella città di Murcia (sud-est della Spagna).
Madre e bambino sono in buona salute, in base a fonti mediche.
I medici dell’ospedale, seguendo il protocollo, hanno riferito l’accaduto al giudice minorile, che ha ordinato un’indagine della polizia, e che sembra aver ottenuto i suoi primi frutti.

Un portavoce della polizia di Murcia ha dichiarato che l’unità Juvanile Group si è mossa per dare tutto il conforto possibile alla giovanissima madre presso l’Ospedale infantile Virgen de l’Arrixaca, Murcia, dove vengono assistiti i piccoli nati in situazioni molto simili a quello della ragazzina.

Più di un centinaio di ragazze diventano madri ogni anno in Spagna prima all’età di quindici anni, in base ai dati dell’Istituto Nazionale di Statistica (INE) e tali cifre  riflettono che queste gravidanze devono essere moltiplicate per più di tre tra coloro che hanno già raggiunto tale età.
In Spagna l’età minima per il sesso consensuale è sedici anni. Gli inquirenti, hanno inoltre affermato che gli stessi genitori dei due fratelli hanno dichiarato che da tempo i due giovanissimi passavano molto tempo insieme.