La cravatta e la sua funzione quasi filosofica e concettuale

Fronzolo eccedente, status symbol, sfizio dell’immaginazione, appunto di tono, esperimento di creatività, connotazione e contatto….. ma pure annodatura, cavezza subliminale, nodo bellicoso, simil-corda comunicativa.

image

Quanto sopra e ancora molto di più, per quella minuta fascia di tessuto che la mattina mi avviluppo al colletto della camicia per l’ensemble finale del mio abbigliamento. Ho usato la prima persona perché la cravatta la indosso sempre, sia in english style, sia in sofisticato papillon. Ma c’è chi decide di metterla solo quando è il momento adatto, e in quell’istante le ascriviamo ancora più rilevanza, attribuendole indirettamente una funzione concettuale, quasi filosofica.

image

E’ riscontrabile una disciplina scientifica in merito ad essa? C’è chi risponde affermativamente e chi lo nega, ma è indubbio che la cravatta ha interessato e incuriosisce da vicino sociologi, scrittori, politici, semiologi e psicologi. Esiste in ogni caso una narrazione storica ricca e molto movimentata di questo accessorio, una descrizione che parla del nostro passato, delle guerre e degli amori. Rivela racconti di superbia e orgoglio, di dandies e di combattenti rivoluzionari, di gigolò squattrinati e di razionalisti miliardari. Riferisce di tal Lord Brummell e del duca di Windsor, di Oscar Wilde, di D’Annunzio e Filippo Turati.

Filippo Turati   image

Ebbene si, sussiste una letteratura della cravatta, e comprende scritti filosofici sette-ottocenteschi, opuscoli, epigrammi, pamphlet. E sicuramente è riscontrabile una modernità della cravatta, quasi simboleggiando un ritorno al classico e all’equilibrio, al gusto peculiare dell’accessorio elegante. C’è da aggiungere che la cravatta, creata artigianalmente in Italia da decenni, guida con sicurezza il mercato internazionale conquistando sultani e re, attori e intellettuali, assi dello sport e musicisti.

Ecco, quindi, un mio personale invito alla riscoperta del passato per capire meglio il presente, dettami e considerazioni su questo lembo di stoffa segno rappresentativo della vanagloria maschile.

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...