orsato supera ceccarini. Tutto come prima, anzi peggio. La juve schieria la formazione di arbitri bianconeri e la VAR solo a suo appannaggio

Si diceva mesi fa che con la VAR la juve avrebbe vinto meno scudetti e Coppe Italia. Sabato sera abbiamo capito che nemmeno il congegno tecnologico oscurerà le malefatte che la signora del calcio italiano continuerà a perpetrare con o senza marchingegni elettronici. L’ultima Inter juventus è stata raccapricciante, smantellando del tutto il significato del calcio vero, pulito, giocato; della tecnica, del modulo, della difesa e dell’attacco, dei goal e delle grandi parate. In fondo, le sviste arbitrali sono sempre esistite, ma con la VAR i numeri negativi erano diminuiti rispetto agli anni precedenti. Nell’aria potevamo respirare qualcosa di buono, di corretto nel contemplare la classifica, in pratica era ciò che il campionato proponeva. Poi come una scossa di terremoto arriva la 35a giornata, c’è Inter-juventus. Con la squadra di allegri che allegramente schiera un’altro suo team di arbitri capeggiato da orsato e dal quarto uomo tagliavento che in un batter di ciglia mettono in chiaro le cose: l’Inter deve perdere questa partita.

E via, allora, allo squallore di un arbitraggio clamorosamente falsato dal direttore di gara, collaboratori e dalla stessa VAR. Una partita decisiva per le sorti di Champions League, Campionato, e per mille altre motivazioni falsata da scriteriati interventi arbitrali e sviste volute. Regole non rispettate, rossi spuntati d’improvviso dai taschini di un mago malvagio, secondi gialli non comminati perchè la squadra che li meritava aveva una striscia bianca sulla maglia, fuorigioco netti mai sanzionati. E, allora, come fare a non riportare alla mente Calciopoli, Moggiopoli, Ceccarinopoli; quegli arbitraggi che oggi possiamo tranquillamente definire “sensibili”. C’era già puzza di putrefazione in queste ultime settimane con ceccarini che si sperticava a dare la colpa a Ronaldo, a ribadire che era stato Juliano ad essere abbattutto. Tanta sfrontatezza poi ritrovata nell’arbitraggio scandalo di orsato e della sua accolita. Un fetore nauseabondo che ha colpito le narici dei tifosi della Scala del Calcio e che ha visto alla fine della falsa direzione di gara uscire dallo stadio tifosi in lagrime e bambini che rincuoravano i genitori.

Con Spalletti avevamo ritrovato una squadra con un cuore enorme che era riuscita nonostante l’arbitro di Schio e la sua banda a ribaltare il risultato in 10 uomini e addirittura andare vicina al terzo goal con il solito Icardi. Stava accadendo qualcosa di eroico, epico che portava alla memoria il derby di Mourinho vinto in 9 o la storica resistenza del Camp Nou. Ma il sogno si è trasformato nel peggiore degli incubi poichè l’Inter è arrivata a giocarsi il finale di gara in apnea per colpa degli errori mirati di orsato e compagnia brutta. Molti, coloro che parlano di calcio come io di algebra (avevo tre in matematica) hanno tentato di affibbiare la colpa a Spalletti, l’unico che era riuscito nel quasi miracolo. Ditemi sinceramente una cosa, qualcuno di voi fino al minuto 80, era in grado di capire quale fosse la squadra che stesse giocando in 10 fin dal 15′? E allora basta sparare contro un grande allenatore che aveva studiato una mossa per ridare energia ai reparti più sulle gambe. È stata colpa di Spalletti l’autorete di Skriniar? E, dunque, perbacco cerchiamo di capire che quando le vigliaccate arbitrali sono così sotto gli occhi di tutti non è possibile sviare il discorso in altra parte. L’Inter ha perso a causa di un certo orsato di Schio coadiuvato da supporters juventini.  E che dire del siparietto del dopo gara tra allegri e tagliavento? L’allenatore della juve all’arbitro:  “Ciao, ‘Taglia’! Oh, è andato proprio bene, eh…Orsato (ndr) è stato bravo. Promosso”. Da ufficio inchiesta!!!!

Ormai quella puzza stomachevole è tornata più asfissiante di prima e non se ne vuole andare via. Quella percezione putrescente è ancora nelle nostre narici. E fra una ventina d’anni orsato di Schio ci ingannerà ancora raccontandoci che ” Il doppio giallo per Pjanic era inesistente. Anzi, il fallo era di Rafinha”.

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...