Storie di ordinaria, dissennata amministrazione di aziende con le quali abbiamo a che fare ogni giorno ( Fastweb, Publiacqua, Vodafone)

Carissimi lettori, come avrete da tempo intuito non amo assolutamente parlare dei “problemacci” miei, ma in questo caso tengo a mettere nero su bianco in merito a quanto accadutomi negli ultimi anni e a denunciare certe aziende presenti nella nostra vita quotidiana, con la loro “sbarazzina” manipolazione di bollette, fatture e via dicendo.

Inzio da Fastweb, l’azienda italiana specializzata nella telefonia terrestre e nelle connessioni a banda larga. Bene, i signori(!) di detto gruppo hanno fatturato sulla mia carta American Express, di cui mai avevo dato loro gli estremi, no. 7 prelievi mensili senza mai aver erogato gli asseriti servizi telefonici. Soprattutto perché, mai e poi mai, avevo in precedenza sottoscritto abbonamenti con questa Azienda. Dopo una serie di capillari controlli, riconoscono la truffa, che loro definiranno errore, e mi rimborseranno i 430Euro sottratti illegalmente. Con il mio avvocato, però, decidiamo di inviare una Raccomandata (che potete leggere a seguire) con la quale chiediamo ulteriori Euro 2.000,00 quale “ristoro dell’apprensione sofferta”.

Raccomandata a/r

OGGETTO: MELANI MASSIMO / FASTWEB S.p.a.

Formulo la presente in nome e per conto del sig. Melani Massimo, residente in Pistoia, il quale, mio tramite, lamenta e contesta a codesta società il percepimento indebito, in suo danno, di somme di denaro sottrattegli con vari prelievi dal conto corrente assistito da carta di credito American Express.

La causale di detti prelievi (7 prelievi mensili nel corso del corrente anno, da febbraio ad agosto) risulta l’erogazione di asseriti servizi telefonici, invero mai richiesti dal Melani né a lui erogati.

Il fatto, che costituisce reato e che coinvolge la Vs. responsabilità, quantomeno sul piano civile risarcitorio, è stato pacificamente riconosciuto da parte di codesta società che ha quindi provveduto alla restituzione dell’indebito in via capitale, pari a circa €. 430,00, senza peraltro interessi né risarcimento del danno.

Il sig. Melani ha avuto contezza di quanto sopra solo nel mese di agosto 2013, a seguito di un controllo del proprio estratto conto American Express.

Il fatto è particolarmente grave ed implica il risarcimento del danno anche sotto il profilo non patrimoniale. Sotto questo profilo il mio cliente chiede a codesta società la somma di €. 2.000,00, compresi interessi, così forfetariamente determinata quale ristoro dell’apprensione sofferta, degli adempimenti ai quali si è trovato, suo malgrado, a dover dare corso e quant’altro.

Avverto fin d’ora che il sig. Melani intende, in difetto, tutelare le proprie ragioni nelle opportune sedi giudiziarie e che comunque sarà costretto a sporgere formale denuncia querela.

In attesa di Vs. riscontro, porgo distinti saluti.

Avv. ……….. …..

Ordunque, dopo svariato tempo, arriva la loro risposta sul mio cellulare.

cof

E con questo hanno chiuso la pratica che non ho potuto riaprire perché gli avvocati sono troppo cari. Ma non finirà certo qui!!

Continuo con Publiacqua, riferendomi a svariati solleciti del sottoscritto fatti a mezzo telefono nel 2009, con i quali mi lamentavo degli eccessivi costi delle Bollette. Passa il tempo e “risollecito” mesi fa, questa volta molto incavolato per non dire peggio. Una signorina mi conferma che controlleranno e a seguire vi allego lettera consegnata alla mia abitazione intestata a mio padre e per conoscenza a mia madre.

image

Il rimborso di cui si parla sopra è di Euro 1.165,59 che, furbescamente, i soliti noti vorrebbero spalmare sulle future bollette. Decido, allora, di richiedere per tale importo l’emissione di un assegno. Dopo lunghe discussioni accettano di emetterlo non prima però di avermi fatturato un importo di € 58,83 decurtato dalla somma originaria. Pertanto, il rimborso versato sarà di €. 1.106,70. E gli interessi di questi anni di false fatturazioni che vanno dal 2009 al 2013? Provvederò a breve.

Ma leggete l’articolo di cui al link sottostante e vi renderete conto di cosa combina Publiacqua.

http://www.reportpistoia.com/agora/item/46781-a-proposito-di-publiacqua-controllate-attentamente-le-bollette.html

Ora vi parlo di Vodafone, dopo aver già disquisito sui furbastri di Fastweb. Il 4 dicembre 2017 mi reco nel negozio Vodafone di Viale Adua a Pistoia, e chiedo cortesemente se hanno una promozione per il sottoscritto che mi permetta di accedere ad un cellulare migliore visto che il mio vecchissimo iPhone sta dipartendo a miglior vita. Dopo aver confermato la possibilità della mia richiesta, la gentil commessa mi “fredda” dicendomi che dalla sede principale non possono accogliere la mia “pretesa” in quanto gli risulta non pagata una fattura di Teletu (€ 481,35) di anni prima quando la stessa era una marchio Vodafone. Niente di più falso, non avendo nemmeno mai sentito parlare di tal Teletu. Inizia, quindi, la solita logorroica spiegazione ma dalla sede centrale non vogliono saperne. O pago o niente nuovo cellulare a sconto. Decido, orbene, di pagare perché il telefonino è fondamentale per il mio lavoro di giornalista. Tirando corto? Querelerò anche Vodafone.

Tutto questo per allertarvi su certi aspetti poco trasparenti di certe aziende che fatturano miliardi sulla pelle dei loro utenti. Come accaduto a me, anche voi  avrete dovuto fare i conti con esse, ragionando su quanto ci costano le decisioni nascoste di meccanismi lunghi, cervellotici e poco trasparenti. Siamo di fronte ad un’amministrazione pessima che sta facendo traballare in negativo il PIL e la competività con le aziende di altri paesi avanti 100 anni rispetto all’Italia. Attenti, dunque, controllate e fatevi rispettare… Solo questo. Rispetto e lealtà, parole ormai depennate dai vocabolari di certe realtà nostrane.

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...