Con Fabrizio Frizzi è morta anche una parte di noi

Fabrizio frizzi era uno di noi e con lui muore un pezzo del nostro cuore. Non sembra vero che non vedremo più le sue stupende, ineguagliabili risate da ragazzo per bene, educato, ben preparato culturalmente e modesto. Modestia con la M maiuscola, quella vera che riscontravi nella sua visibile timidezza che metteva in mostra quando qualcuno lo elogiava o gli faceva dei meritati complimenti.

Modestia deriva dal latino “modestus”, cioè “colui che mantiene il giusto equilibrio”. E Fabrizio conosceva a menadito l’esatta misura di se stesso, quando certuni lo lusingavano troppo, a tal punto che avrebbe voluto battere i pugni sul suo tavolo da conduttore per farli zittire. Infatti, questa sua innata dote, non lo ha mai fatto eccedere nei comportamenti, non ha mai dato scandalo, e si è sempre comportato da persona normale.
Questo era Fabrizio Frizzi, un ottimo presentatore, un eccellente pianista, un familiare che “tenevamo” piacevolmente nelle nostre case.

Tali qualità caratteriali erano anche sinonimo di estrema umiltà, dote del tutto dimenticata nel mondo di oggi, caratterizzato da supervalutazione del sè e arroganza allo stato puro. La semplicità era una sua virtù che lo rendeva unico e che sfatava il pensiero che l’esser semplice è facile, il complesso difficile. Lui rendeva il complesso facile e ribaltava questa errata idea. Amava scriverlo lo stesso Ovidio, oltre duemila anni fa. “La semplicità, è cosa rarissima ai nostri tempi”. Figuriamoci ora!

Ogni volta che “incontravamo”, televisivamente parlando, Frizzi, ci trovavamo di fronte ad una persona semplice, ma molto più intelligente e preparata di tanti colleghi definiti intellettuali. Infatti, i più grandi passi avanti sono sovente soluzioni semplici di problematiche che apparivano del tutto complicate. Lui rendeva tutto facile con la sua estrema giovialità e modestia.

Arthur Schopenhauer soleva dire: ” In ogni arte la semplicità è essenziale”. E tu, caro Fabrizio, ne sei stato un grande maestro.

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...