È davvero importante avere il pene grande durante un rapporto sessuale?

Spesso su giornali, riviste, ma anche e soprattutto in internet, leggiamo articoli, curiosità, servizi di sessuologia che trattano se sia meglio un pene enorme, normale o decisamente piccolo. Insomma, le dimensioni tra le lenzuola, contano davvero?
Ebbene sì, un uomo è maggiormente attraente anche grazie alla sua taglia così come per l’altezza o la sua muscolatura. Non sono tanto io a dirlo quanto l’Università canadese di Ottawa, che dopo un sondaggio su donne di diversa età è risultato essere quasi determinante avere un pene “ben visibile”. Per quanto riguarda il mio modestissimo parere, devo puntualizzare che l’importanza della dimensione del fallo inizia realmente a contare per le donne dai 40 ai 50 anni, mentre per le ragazze, magari innamorate, la cosa primaria è la dolcezza e il trasporto e la passione che il partner esplica nel rapporto. L’amore prima di tutto. Il resto è un qualcosa di più. Ah, beata gioventù!

Per le più anziane, ormai avvezze alla penetrazione, le dimensioni contano in primis per una maggiore intesa erotica e per una sensazione quasi selvaggia di sentirsi possedute da un vero stallone. Quindi, è facile intuire che ognuna di queste categorie ha i propri riferimenti e i propri gusti in merito alla taglia del loro “sventrapapere”. Okay, ma qual è la dimensione ottimale per non sfigurare mai? A svelare l’arcano è uno studio portato a termine dal King’s College of London, che dopo aver studiato oltre 15mila verghe sparse in tutto il mondo, ha sentenziato che lo standard più condiviso sono 13,14 cm di lunghezza. C’è da dire, comunque, come già accennato sopra che l’importanza delle misure cresce in modo proporzionale all’età della donna. Le giovani, non danno così tanta rilevanza alle dimensioni del membro del compagno; a loro basta amare ed essere ricambiate. Col passar degli anni la tendenza cambia. Eh, se cambia!

Tra i 40 e i 50anni molte si accorgono che il sesso può svincolarsi dall’amore, come sovente accade. Solitamente, dopo un divorzio o una rottura di un rapporto durato anni, la donna è pronta, prima di riaffacciarsi al mondo dell’ attaccamento, a instaurare storie di sesso ed è in questi frangenti che il valore delle dimensioni del fallo comincia ad avere un grande valore, soprattutto a livello di mero piacere fisico distaccato dal godimento amoroso. Qui, subentra anche il lato esperienza in quanto con una età più matura certi tabù vengono cancellati e si cerca solo il godimento allo stato puro. C’è però, chi ha paura di un pene molto grande, perchè abituata a quello del marito o del fidanzato, e a livello psicologico il rapporto può apparire addirittura pericoloso. Chi, per esempio, si bagna difficilmente, avendo scarsa lubrificazione, ha molta difficoltà a lasciarsi andare del tutto e vive quel membro così lungo con timore. Altre, al contrario, pensando un po’ all’antica “grande cazzo, grande scopata”, sono attratte in maniera totale. Molte signore, a conferma di quanto sopra, vanno proprio alla ricerca di maschi con peni enormi anche per sentirsi a loro volta più femmine. ” Se riesco ad accontentare uno stallone così, posso permettermi di tutto”, molto spesso pensano. Insomma, associano simili rapporti ad una sorta di potere sessuale.

Guai però accantonare il sesso femminile che vira per il romanticismo, e che ad un fallo mostruoso preferisce lo sguardo ammiccante, il sorriso provocatore, una cena a lume di candela. Il sesso diventa solo la ciliegina sulla torta. E se la candela è ben proporzionata tanto meglio. Ma le dimensioni servono se sapute usare. Senza il minimo di erotismo, senza partecipazione, attenzione verso la partner, quei centimetri in più sono solo un’inutile peso. E, considerando che una vagina è lunga, in media, sette cm, un fallo da 8 a 10cm, può assicurare una penetrazione e un godimento più che sufficiente.

Qui finisce la prima parte. La seconda e ultima parte la completerò quando avrò più tempo.

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

One thought on “È davvero importante avere il pene grande durante un rapporto sessuale?”

  1. Non è sempre così sul fattore dell’età, ma per fortuna leggo di qualcuno che finalmente capisce che le donne non hanno uno standard preferito universale riguardo certe dimensioni: la cosa è soggettiva, l’importante è che si provi piacere, appunto, sia che siano di dimensioni notevoli o no.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...