Donald Trump e la folle idea di compiacere Netanyahu. Una strategia che porterà al rischio nucleare

 

Ormai sono mesi che osservo ogni mossa di Trump, ogni sua vaneggiante frase, tutte le sue repellenti prese di posizione, ogni sua invettiva contro il mondo. È un Presidente che non pondera, senza la minima cautela, un pazzo squilibrato, ancor più pericoloso del bamboccio coreano. Ieri, ha fomentato una nuova, più che possibile Terza Guerra Mondiale. Senza riflettere minimamente ha annunciato lo spostamento dell’ambasciata Usa da Tel Aviv a Gerusalemme spiegando che “lui le promesse elettorali le mantiene, non fa come gli altri, che avevano preso lo stesso impegno senza rispettarlo”. Questa scellerata strategia è figlia dei suoi tanti debiti elettorali che è chiamato a pagare, uno dei quali lo deve alla comunità ebraica, a Netanyahu in primis, il quale lo ha puntellato, insieme agli evangelici integralisti, durante la campagna elettorale.

Trump è arrivato addirittura a promettere il suo totale impegno per un durevole accordo di pace. Infatti, esplosa la notizia, è esploso anche il mondo arabo con reazioni durissime e proclami di guerra a tutto il mondo occidentale, ma in particolare a quello americano. Un concentrato di narcisismo senza limite. Il presidente degli Stati Uniti d’America è un rischio mortale per il globo terrestre. Spero con tutto me stesso che i capi di Stato si sveglino e si schierino apertamente contro questo folle personaggio da fumetti di Max Bunker e che il suo mandato sia interrotto entro la fine dell’anno. In pochi lo riportano, ma negli USA  si parla apertamente di arrivare, in un modo o in un altro, all’impeachment. E si tratta anche sull’eventualità di dimissioni forzate. C’è una Nazione esasperata. Esiste un Congresso che si rivolge al Presidente con crescente preoccupazione anzi, oserei dire, con avversione. Non ha offeso con la mossa di ieri solo tutto il mondo non radicale musulmano e gli arabi moderati; ha oltraggiato la stessa America e i cittadini non di origine statunitense. Ha offeso anche tanti repubblicani che non volevano questa sua azione. Ha fatto male all’Europa, inasprendo ancora di più il radicalismo islamico forzandolo a nuovi atti di terrorismo. Insomma, la sua promessa di  pace a breve si tramuterà in rivolta mondiale.

I vari Salvini, Berlusconi, Grillo e lo stesso Renzi affermeranno che comunque è lui ad aver vinto le elezioni. Sì, ma è diventato Presidente grazie ad una minoranza degli elettori, puntando sulle paure ataviche degli americani, sulle frustrazioni, diffamando il mondo dei democratici. In seguito, però, è venuto fuori l’orco Trump, con le sue parole oltraggiose sull’immigrazione, sulla cultura, sulla Siria, sull’ambiente, sui dazi doganali, sui tagli alla ricerca… Un vero psicopatico della non politica internazionale. Il massimo della demenza lo ha toccato con l’idea di costruire un muro al confine con il Messico. Le offese agli immigrati, sono le offese rivolte a tutti gli americani, essendo quest’ultimi immigrati al tempo stesso. Una mitragliatrice di cazzate che ha scosso il mondo e che ci porterà ben presto ad una serie di azioni belliche devastanti. Ieri, alle sue innumerevoli ‘orrorifiche’ proposte ha aggiunto forse quella che creerà una futuribile Terza Guerra Mondiale.

Purtroppo, con certi uomini al potere, il nostro pianeta avrà un futuro ancora più tentennante e il rischio nucleare diverrà una minaccia facilmente concretizzabile. Se Trump, come promesso, spingerà il bottone contro la Corea, anche la Cina e la Russia lo faranno. E sicuramente ad una guerra atomica perdureranno solo qualche classe di entomi. Gli esseri umani scompariranno. Perderanno la vita tutti gli animali. Ecco a cosa può portarci l’avariata pannocchia americana e non mi perito a scrivere che paleso una certa paura verso questo bruto. L’unica mia speranza è affidata alla capacità del popolo americano di ribellarsi, di creare ostacoli al miliardario senza senno, all’uomo incapace di essere consapevole fino in fondo dei suoi tantissimi limiti; inadeguato nel guardare avanti e di zittire le differenze e gli innumerevoli scompensi; mai propenso nel tentativo di abbattere i divari e le ingiustizie… Bisogna rimuoverlo e in fretta, perchè questa volta il futuro è solo nelle mani degli americani.

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...