La Destra può vincere le elezioni, è in netto vantaggio sulla sinistra e perciò Berlusconi è di nuovo indagato per le stragi del 1993, fascicolo già archiviato nel 2011. Che coerenza questi giudici!

Ad una manciata di giorni dalle elezioni siciliane e a più di 5mesi dalle politiche noi comuni mortali cerchiamo di farci un’idea su chi votare o non votare. Gli elettori particolari invece stanno già votando da alcuni giorni, inserendo nelle urne dei cervelli dei cittadini schede di una pesantezza enorme, che stanno orientando il popolo più scettico verso una scelta non prospettata fino ad oggi.

Questi speciali votanti altri non sono che i Giudici, i grandi amici della sinistra, che ancora una volta stanno sputtanando con i loro precisi orologi elettorali il solito Silvio Berlusconi; assolutamente eccitati, quando la campagna elettorale vede nettamente prevalere la destra, di entrare nel vivo del dibattito per sconvolgere ancora una volta gli equilibri creatisi. Questa volta hanno fatto tornare di moda le Stragi del 1993, indagando di nuovo il Cavaliere. Il Big Ben dei Trbunali italiani non si smentisce mai e l’ora funesta del berlusca rintocca puntuale.

I magistrati hanno intercettato il boss Graviano che parla di Berlusconi. Siamo in pieno Halloween e le toghe nere si travestono da vampiri assetati del sangue dell’uomo più perseguitato al mondo dalla giustiza. C’è da puntualizzare che tale indagine era finita negli archivi nel 2011. Il leader di Forza Italia viene accusato assieme al solito Marcello Dell’Utri, di essere nientemeno che il mandante delle stragi di mafia del ’93 che videro morte e distruzione nelle città di Firenze, Milano e Roma. Il nuovo assalto giudiziario contro il Cavaliere è stato portato dalla Procura di Firenze e più precisamente da un Gip che ha riaperto un fatto dato agli archivi, come detto, nel 2011.

Questi votanti particolari non hanno perso un attimo, e come è nel loro DNA appena sentono odore di elezioni fanno ossessivamente sentire il tintinnio delle loro manette. MANI PULITE, quel colpo di Stato, continua ogni qual volta la sinistra perde elettori. Sono fatti, non misere parole. Sotto i colpi stordenti dei giudici, ancora tutti da giustificare, si tenta di screditare un uomo destinato a non vivere mai più una vita serena. I manettari più accaniti diranno che sono inchieste dovute e quindi sacrosante. Stranamente, però, queste immacolate e necessarie indagini terminano sempre con avvisi di garanzia in precisi momenti storici del Paese e sempre alla stessa persona che, nonostante tutto, non è stato per un solo minuto in carcere. Qualcosa vorrà pur dire ?! Di prove certe non ne esistono, c’è solo l’intercettazione di un noto stragista che scioglierebbe la madre nell’acido pur di avere delle agevolazioni da parte del tribunale.

Dopo quanto sopra, continuo a dire che ho veramente tantissima paura di questa giustizia, di vivere in un paese che ti fa sentire completamente solo, totalmente indifeso di fronte a deformi forze nate per assistermi e trasformatesi con il tempo in terribili strumenti di tortura, di malagiustizia, di sofferenza e disperazione. Un lutto continuo, famiglie distrutte dall’assurdo assioma della legge italiana che se qualcuno mi accusa di un crimine devo essere io a provare la mia innocenza e non chi accusa a provare la mia colpevolezza. Un sistema giuridico che ha abbandonato del tutto il principio della presunzione di innocenza a favore della presunzione di colpevolezza. L’unica nostra, unica garanzia è che se saremo invischiati nelle maglie della ragnatela appiccicosa di questa ingiusta-giustizia, se il sistema giudiziario ci catturerà, saremo già che iti ( detto di mia nonna che significa saremo già morti) a meno di non essere degli spietati killer o stupratori che già hanno messo in conto di finire presto o tardi in carcere.

Sì, amici miei, ho terrore di questa giustizia. E sto con il Cavaliere!

 

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...