RACCONTI DI HALLOWEEN. Quella notte che John subì la vendetta minacciata

Fu durante la notte di Halloween che tutto ebbe inizio. John Baltimore era seduto sulla veranda della sua casa. Da lontano gli giunsero i rumori e le musiche della sfilata di Halloween. La sua abitazione era stata costruita su una delle tante colline di Hollywood, quindi in zona panoramica. Per raggiungerla occorreva attraversare una strada solitaria che iniziava alla prima grande curva. La luna piena illuminava la zona e parte di quella strada, mentre la parte opposta era avvolta dall’oscurità e dalle ombre.

John stava fumandosi l’ennesima Marlboro mentre si dondolava sulla sua sedia. Respirò la sua boccata di fumo quando da lontano vide avanzare dal fondo della strada delle persone in fila indiana. Il gruppo si spostò, dopo pochi minuti, dal lato oscuro a quello visibile avvicinandosi sempre più alla casa. Ma chi mai erano quelle sagome? O Meglio chi erano quelle inquietanti ombre che si stavano man mano approssimando?

All’uomo non piaceva affatto che degli sconosciuti entrassero nella sua proprietà, men che meno gente con costumi di Halloween addosso. Erano sì travestiti, ma erano morti; era un’ orda di zombie. Lo capì ponendo orecchio alla televisione che allertava i cittadini a non uscire di casa. I rumori che arrivavano dalla città, non erano dovuti alla sfilata, erano le grida di terrore dei cittadini attaccati dai non morti che stavano invadendo ogni via e sentiero.

John, incredulo, cercò di fermarli quando realizzò chi fossero, ma ormai era troppo tardi. Quel clan malevolo lo circondò in una stretta morsa. Tra le sue urla di dolore fisico e disperazione si potevano sentire i denti che sbattevano mentre lo stavano divorando. Dal cielo, nel frattempo, arrivò una risata sgraziata, e la luna, fu attraversata dalla sagoma di una Strega, che stava volando.

Prima di morire John ricordò quel volto e le parole che dalla sua bocca furono a lui rivolte tanti anni fa: “ Mr. John la prego non mi licenzi, ho tre bambini da sfamare, una madre gravemente ammalata. Non saprei proprio dove andare… La prego!!! La Pregoooooo! Le giuro, che tornerò, tornerò e le farò provare tutto il dolore che sta causando a me!!”

La donna aveva mantenuto la promessa, e con la sua orda di zombie se ne tornò altrove.

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...