Giuseppina Fattori, 95anni, ha subito la distruzione della casa a causa del terremoto e ora la sua abitazione in legno verrà demolita dalle ruspe “grazie” alla magistratura

La signora Giuseppina ha 95 anni e i magistrati, dal cuore nobile e colmo di bontà, hanno deciso di negare la sospensiva che prevede la possibilità di restare nella sua casetta di legno di San Martino di Fiastra, in provincia di Macerata, la località dove l’anziana nonnina ha vissuto da sempre.  La figlia Gabriella delusa e dispiaciuta per la vicenda, tipicamente italiana, racconta che la madre era stata ospitata a turno per sette mesi dai familiari, ma Giuseppina pur ringraziando aspirava ardentemente di tornarsene al paese natio.

Allora, a Gabriella, è venuta l’idea di costruirle una casetta in legno su un terreno edificabile di proprietà della famiglia, con l’autorizzazione della Comunità Montana, rispettando il nulla osta geologico, l’esatta distanza dalla zona stradale, insomma, in piena regola con tutti i requisiti…meno uno, l’autorizzazione paesaggistica, mai arrivata, e causa dello sfratto. Ed i giudici come potevano farsi sfuggire una simile occasione, fregandosene altamente dell’età e della situazione di Giuseppina, decretando che a metà dicembre, un vero e proprio regalo di Natale, la casetta di legno sia fatta a pezzi dalle ruspe.

Questa la disavventura di Giuseppina Fattori, che dopo aver sopportato la distruzione della casa per colpa del terremoto, ora deve subire l’angheria di una legge sorda a tutti i disperati richiami di aiuto. Nonostante ciò è pronta a sfidare la nostra ingiusta giustizia affermando che mai si muoverà da dov’è ora. Infatti, ai carabinieri che le hanno imposto che a dicembre dovrà andarsene, la 95enne ha replicato picche e il decreto ingiuntivo presentatole è stato infilato dentro un cassetto come fosse carta straccia.  I familiari sono ricorsi al Tar per cercare di fermare la magistratura senza cuore, ma conoscendo la legge italiana le prospettive non sono certo rosee.

Siamo di fronte ad una nuova sfida, ad una battaglia tra Davide e Golia; la vicenda biblica si risolse a favore del più debole, questa chi vedrà primeggiare? Noi lo sappiamo già, ma speriamo di sbagliarci.

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...