Facebook, la più grande arma di menomazione di massa. Bloccato da FB per una foto artistica a seno nudo di ALDA MERINI. E i capolavori con nudi dei grandi pittori?

Lo sproporzionato utilizzo dei social networks, Facebook in particolare, sulla vita quotidiana della stragrande maggioranza della popolazione mondiale è divenuto l’argomento di massa per eccellenza, creando una guerra di parole tra quelli che mettono in luce i tanti vantaggi della rivoluzione sociale e gli altri i quali, all’opposto, mettono in risalto gli svantaggi di cui internet è portatore.

Le persone oramai trasformate in pedissequi robot non vedono che gli aspetti positivi dei tantissimi social reperibili sul web, mentre le critiche vengono volutamente ignorate o considerate superficialmente. Facebook ti controlla e ti nega ogni cosa che ritiene non idonea alla sua piattaforma di stampo Marxista-Nazista. La sconvolgente sommossa del web divenuta un’utopia associabile al sogno comunista o nazista sarà sempre più in grado di causare aberranti risvolti.

Facebook è, tutt’oggi, la più grande arma di menomazione di massa oltrechè grandissima spia virtuale capace di captare tutte le informazioni possibili in merito alla sfera sociale e privata di ogni utente. Ieri, la mia pagina FB è stata bloccata semplicemente perchè giorni addietro avevo postato una foto di Alda Merini a seno nudo.  Un’immagine artistica della grande poetessa e scrittrice, un ritratto di una donna fuori dagli schemi, completamente immersa nella sua vita, “più bella della sua poesia”. Facebook mi ha “fermato” come Stalin fermava e metteva in carcere (se era di buon umore) chi non gli segava il grano; mi ha bloccato come una nazista bloccava e mitragliava un contadino che la mattina non gli faceva trovare le uova nel piatto.  Facebook è da tempo che mi chiede di abbonarmi a un suo programma di pubblicità riguardo la mia pagina e alla quale richiesta ho risposto sempre negativamente. Ieri è arrivata la vendetta. Una vendetta ingiusta, crudele, ignorante.

 

E’ come se FB vietasse di postare sulle sue immonde pagine la Venere Dormiente, esposta a Capodimonte, di Luca Giordano, che mostra le lascive fattezze della moglie trasformata in dea. O la puerpera del Caravaggio che sfama con il suo seno un povero viandante. O la Venere dormiente del Mueseo di Budapest. O ogni cosa che riguardi l’arte ove si intravede dell’artistico nudo. Mentre da via libera, oscenamente, a pagine porno e/o squinternato erotismo.

 

Facebook è una prigione della mente dalla quale è impossibile uscire, per una serie di vincoli come la diffusione di una vera e propria “esigenza sociale” nella società moderna o come l’irresistibile tentazione di mettere in mostra il proprio ego alterandone e rimodellandone ad hoc la sua percezione dall’esterno. Tale gabbia tende a risucchiare, velatamente, chi vi è al suo interno, dal momento che obbliga a fornire sempre più informazioni personali le quali rappresentano una preziosa base di partenza per il lavaggio del cervello degli utenti…

Facebook altro non è che il solito foglietto illustrativo che leggiamo solo dopo esserci resi conto di aver sbagliato il farmaco fai da te. Un nuovo movimento nazista che non ti permette di esprimere la tua creatività, nè il tuo amore per l’arte. Sempre che non ti abboni ad uno dei suoi programmi di pubblicità per aumentare le persone che ti seguono e rimpinguare le casse dei nuovi Marxisti-Nazisti.

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...