Il Manifesto del “Buon Compleanno”. Grazie a tutti Voi per i graditissimi auguri

Penso che festeggiare il proprio compleanno sia importante nell’infanzia e nell’adolescenza, mentre lo è, almeno per quanto mi riguarda, molto meno dopo i 20 anni. A questa età, infatti, in molti iniziano a festeggiare le decine (20 anni, 30 anni, 40 anni…) o, come ho fatto io sino ai 40, gli intervalli di cinque anni (25, 35 anni). In fondo, però, è quasi sempre utile festeggiare un compleanno. Per alcune persone che ben conosco, è importante non sentirsi dimenticate nel giorno della ciclicità della loro nascita: in particolare modo le donne, le madri i cui figli non abitano più con loro, ma anche certuni uomini in svariati periodi della loro esistenza.

Insomma, celebrare il ‘Buon Compleanno’ presenta varie sfumature: è in primis un evento personale, un motivo per far festa, una maniera, talvolta inconscia, per fare emergere il proprio narcisismo combattuto e messo a dura prova dal tempo… Oggi, realizzare tale avvenimentouna permette anche di accorgersi della solidità dei legami affettivi, divenuti ancor più utili a causa dell’infiacchimento del nostro tessuto sociale. Il nocciolo della questione è ciò che intendiamo per festa di compleanno: in alcune situazioni un semplice pranzo con gli amici o in famiglia può creare notevoli benefici psicologici invece di una celebrazione smodata e poco sentita.

Festeggiare il compleanno, soprattutto per le persone positive, aiuta a incanutire meglio o ad accettare la propria età paragonandola a quella soggettiva, ovvero agli anni che uno/a si sente dentro, con l’età anagrafica. È, di fondamentale importanza godere di buona salute, avere una rete sociale e affettiva in espansione, e che la data del compleanno non cada in concomitanza di un evento tragico, come la morte di una persona cara. Nell’eventualità in cui siano soddisfatte tutte queste condizioni, celebrare il ‘Buon Compleanno’ può aumentare notevolmente l’autostima, aiutare a fare un bilancio della propria vita e a prendere certe decisioni, oltre che a mettere in relazione i diversi periodi della vita trascorsa, concedendosi persino il lusso di concretizzare particolari progetti, desideri o fantasie.

Non dimentichiamoci, però, chi il giorno del suo compleanno vorrebbe addirittura sparire. Chi non ama ricevere gli auguri e meno ancora essere festeggiato. Coloro che si portano dietro dall’infanzia un brutto e sgradevole ricordo, magari con ricorrenze festeggiate con altri bambini del vicinato…

Questo mio personale “Manifesto” sul compleanno l’ho scritto soprattutto per ringraziare immensamente tutti coloro che mi hanno regalato e onorato dei loro auspici, scusandomi per l’assillo continuo che vi ho arrecato con i miei articoli, tipici di un giornalista fuori dal coro.  Un sincero, immenso grazie a tutti.

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

3 pensieri riguardo “Il Manifesto del “Buon Compleanno”. Grazie a tutti Voi per i graditissimi auguri”

  1. Essendo tu, un giornalista fuori dal coro senza obiezione… è logico e consequenziale farti fuori dal coro gli auguri. #buoncompleanno #massimomelani . Che le danze abbiano inizio. Ogni scusa è buona per festeggiare la qualunque in questo piccolo spazio di mondo, perché come dice la radice della parola, #festa# vuol dire #allegria #aggregazione #divertimento #svago. Onde per cui #festetime a più non posso. Ma se c’è un evento che merita l’onore del podio è di essere proclamato con “the Winner is…”: quello è solo lui, il compleanno. È vero da adolescenti si aspetta con gioia e ansia lo scorrere dei mesi per festeggiare tale ricorrenza…da adulti resta invece solo l’ansia del…”o mio dio domani compio gli anni!!!”. Ma dopo qualche secondo e ritrovato l’amore proprio si pensa a come festeggiarlo. Il perché è identico per grandi e piccini, il desiderio di appagare un bisogno puramente egoistico e narcisista… quello di essere almeno per un giorno #l_ombellicodelmondo. Concordo ancora con te che c’è anche chi non ha proprio voglia di festeggiare perché crede di non aver nessun motivo per spegnere le candeline e stappare, perché chissà crede che sia inutile e superficiale, perché non ha gioia in cuore. A te io dico che c’è sempre un motivo per festeggiare la vita, nonostante il dolore e la tristezza…è quello sei TU. #Tantiauguri#

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...