Politica e Magistratura, i mali dell’Italia

La gente ormai ha perfettamente capito quanto degradata sia la nostra politica e non fidandosi più dei nuovi schieramenti politici che promettevano mare e monti senza mantenere una promessa, è tornata al vecchio bipartititismo, tanto criticato anni fa.

In più, gli accadimenti giornalieri che si attuano sul palcoscenico della politica, i cui attori spesso e volentieri sono indagati o finiscono direttamente in galera, non migliorano certo il pensiero delle persone. Insomma, l’inadeguatezza del ruolo istituzionale e la sua assoluta pochezza sono ben visibili a tutti.

Il cittadino si rende conto di essere guidato da politici corrotti, sindaci bugiardi e rovinacittà, si trova in mezzo ad ogni tipo di malaffare senza una guida a cui credere ed affidarsi.

Le  cadute di stile, molto diffuse tra i contaballe della politica, denotano il radicamento di situazioni poco consone al ruolo di soggetti istituzionali senza moderazione e equilibrio. Siamo di fronte ad un vuoto politico che oltre a far paura ci fa riflettere sulla mancanza totale di un miglioramento in un prossimo futuro.  Non esistono più soggetti istituzionali che possano capovolgere la situazione.

 

Tutta questa incapacità di chi governa produrrà, di qui a poco, un malcontento globale che avrà gravi ripercussioni sulla nostra società.

In aggiunta, e cosa pericolosissima, la vera sovranità è passata dal Parlamento alla Magistratura. Il vero Governo è capeggiato dai giudici in quanto, il Parlamento che dovrebbe fare le leggi, in realtà prima di renderle tali attende il consenso dei magistrati. In poche parole, la volontà parlamentare può ogni volta essere vanificata dai Giudici e dalla Corte Costituzionale.
Quest’ultima ha operato depurando l’ordinamento da vecchie norme lasciate sopravvivere più per ignavia che per convinta condivisione, o correggendo, spesso «al margine», storture e contraddizioni irragionevoli nel confuso corpo legislativo del nostro Paese, difendendo diritti violati e spesso anticipando o favorendo soluzioni maggiormente civili approvate dal Parlamento: non certo ostacolando l’affermarsi di legittimi indirizzi politici adottati dagli organi rappresentativi.

Vorrei scrivere moltissime altre cose che evidenzino l’ingerenza funesta della Magistratura all’interno della nostra corrotta politica, ma una telefonata di mia figlia che ha bucato una ruota della sua auto, non mi permette di continuare. Spero non le sia stata forata da qualche giudice di passaggio.

 

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...