Perde di brutto la Juventus con il Real Madrid e perde ancora più malamente l’organizzazione dell’evento in Piazza San Carlo.

La Juve suonata e bistrattata dalla superiorità calcistica dei blancos perde la sua settima finale. A coronamento il finto attentato terroristico di piazza San Carlo che causa migliaia di feriti di cui 3 in stato comatoso. Poca organizzazione di gioco e pessima a livello amministrativo.

Nelle tantissime inquadrature prepartita si erano visti uomini, donne, ragazzi e ragazze con lattine e bottiglie di birra. Un fiume di birra. Le bottiglie di vetro erano innumerevoli e sono convinto che senza tutti quei pezzetti di vetro sull’asfalto la maggior parte dei feriti non si sarebbe fatta male. Molti, nel perdere le scarpe, mentre correvano nella calca oceanica, si sono vistosamente tagliati i piedi.

Venditori abusivi con i loro carretti pieni zeppi di alcolici servivano birra a go-go. Gli affari prima di tutto. E sorgeva già la prima domanda:”  E le forze dell’ordine?” Inoltre, tutti hanno notato come fosse posto in basso il grande schermo, così da costringere la gente ad accalcarsi sotto di esso. Perchè gli organizzatori non lo hanno posizionato più in alto? Già, gli organizzatori! Dov’erano! Che facevano!

Da certi varchi potevano entrare solo uno alla volta, mentre al centro della Piazza l’accesso era molto più agevole e molti non venivano controllati. Critiche anche al sistema dei controlli. Il rischio terrorismo in fondo non è mai stato programmato. Così, C ome quello dell’ubriiachezza, del panico, della calca, delle bottiglie di vetro rotte.

Poi, all’improvviso, un boato assordante, ma non quello di una bomba, ma della gente che gridava, che fuggiva dalla paura; fragore dei vetri calpestati dai piedi nudi. No, non ci sono stati spari o scoppi di petardi. In molti hanno capito che non poteva essere un attentato. Ma continuavano a correre, impazziti, in preda al panico. Tre devastanti folate di gente che correva senza meta per sfuggire al niente. Solo orrore per le persone che creavano orrore in questa corsa sfrenata.

E nel caos delirante non poteva mancare lo sciacallaggio. Delinquenti che si impossessavano di zaini lasciati durante la corsa, portafogli caduti, scarpe di marca, cellulari… A chi si nutre di carogne va bene tutto. E le persone cadevano, facendosi male, mentre in una di queste folate molti sono finiti a terra trascinandosi amici addosso, ed altri che continuavano a cadere in preda al panico…e il dolore fisico e mentale la facevano da padrone.

La causa di tutto ciò? L’ebbrezza. Quei venditori abusivi in P.zza San Carlo sono una, ma importantissima, ragione di quanto successo. Perchè questi illegali signori erano liberi di vendere alcolici senza il minimo controllo?
La Polizia municipale che caspita faceva? Dov’erano i rappresentanti della questura?

Torino ha perso a livello calcisticoin quel di Cardiff, ma soprattutto a livello organizzativo in P.zzasan Carlo. Che la Procura apra un’indagine, una di quelle vere, non solo per apparire sui media, ma per arrivare quanto prima a scoprire la verità su questo strano evento.

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...