Dieci punti che dimostrano l’imbecillità di Donald Trump

“Trump è un idiota senza la minima idea di come funziona un governo” , ha detto giorni fa lo scrittore Stephen King. Forse questa frase, ispirata dal filosofo americano Aaron James, vuol spiegare quanto sia stato pericoloso, e già ce ne rendiamo conto, aver preferito il miliardario alla non certo simpatica Clinton.

La stupidità trumpiana è già venuta a galla da tempo, ma in questo ultimo mese se ne sono accorti anche i suoi simpatizzanti.

Descritto come un uomo volgare anche grazie alle sue dita tozze e corte, ha immediatamente abbassato il livello di discussione politica quando, alludendo proprio alle sue mani ha affermato ” Guardate queste mani! Vi sembrano piccole, vero?  Se si dispone di dita non lunghissime, non vuol dire che il coso è corto! Io ne sono un esempio.”

Tali parole sono state dette poco prima della sua elezione, davanti a un folto pubblico di scrittori, scienziati, attori e gente comune. Nonostante ciò è stato eletto Presidente. Ma non è solo l’allusione al suo pene che doveva far scattare molti sospetti su di lui prima delle elezioni. Aaron James nel suo libro, Trump. Saggio filosofico sul predominio degli stronzi, esplora e sgretola le tipiche caratteristiche delle persone più infami, a capo delle quali c’è un certo Donald Trump. Lo scrittore filosofo dimostra con molta precisione l’imbecillità del nuovo capo degli USA. Spiega come “il milionario di New York, sia un emerito coglione, un idiota come pochi ce ne sono stati”.

L’imbecillità per il filosofo sembra essere un tratto tipicamente maschile ( e il Presidente americano nè è un chiaro esempio) e consiste più o meno nel credersi nati con vantaggi in ogni relazione sociale e sapersi immuni alle critiche e lamentele. Cioè, questa figura d’uomo, è fortemente convinta di essere la migliore in tutti i campi e gli altri, di conseguenza, non potranno mai spostarlo dalle sue idee e azioni.

Nel caso di Donald Trump, la sua pericolosità, radicata in pensieri folli, che gli suggeriscono di compiere gesti inconsulti, di offendere senza mai chiedere scusa, di non tornare mai sulle sue posizioni, si sono trasformati in qualità attraenti per gran parte dell’elettorato statunitense, in “valori” sparsi come un uragano in un discorso che è stato potenziato è perfezionato in meglio dai vecchi lupi di mare del Partito Repubblicano.

A questo punto non mi resta che elencare alcuni punti dimostrativi della profonda imbecillità di Donald Trump, Presidente degli Stati Uniti d’America.
1. Il suo comportarsi e agghindarsi come un pagliaccio idiota è lo stile distintivo dell’imbecillità di Trump. Lui, invece, spiega sia il suo successo assieme alla sua conversione in un despota che acconsente la violenza, anzi, la innalza a vera e propria qualità umana.

2. Donald Trump ha messo gli occhi sull’elettorato ben tre anni prima delle elezioni e ha guardato ad esso come quelli che vogliono farsi grandi con le ragazze, raccontando loro della ricchezza, della potenza; senza minimamente inserire tra le  qualità l’intelligenza e l’umiltà.

3. I Repubblicani gli hanno insegnato a non essere troppo se stesso, a dire e non dire, a presentarsi al pubblico con un profilo un tantino più basso; a tenere le persone sulle spine in merito al suo reale programma politico. Questo è ciò che James chiama “idiota efficace”, parlando in modo rapido ed a volte con frasi a metà.

4. Una delle cose che lo rendono divertente è quando si presenta con la famiglia schierata, ma sempre un passo dietro di lui.

5. Normalmente getta fango su tutti. È un falso prolifico e stravagante e, quello che non è meno importante, quando parla di qualcuno lo  “appesta”; cioè, il prodotto che presenta nei suoi discorsi è un disordine totale senza raffinarlo minimamente e se ne sbatte del consiglio dei vecchi repubblicani che lo vorrebbero meno protagonista. È, dunque, un bugiardo consumato, un ciarlatano conforme alla definizione del filosofo Harry Frankfurt: ” Qualcuno che parla senza conservare rispetto alcuno per la verità”.

6. Trump è un divertimento per i giornalisti, uno sciocco padrone pagliaccio per i democratici, ma lui sembra non notare la differenza tra dire sciocchezze e parlare con cura e rispetto per la verità.

7. La tattica da idiota porta l’ascoltatore a dubitare di se stesso. Per Trump è semplice  confutare i suoi argomenti quando non reggono nemmeno una piuma d’oca. Non si vergogna di dire menzogne contro gli avversari, di cambiare strategia e di negare quanto detto pochi giorni prima. Tenterà sempre di indebolire la creatività delle persone di fiducia con cui coopera: è troppo geloso del suo successo. Il trionfo dovrà essere sempre e solo suo.

8. Non c’è bisogno di conoscere bene i fatti. “Pensi che stia controllando tutte le statistiche che ho letto?” , ha risposto a un giornalista che metteva in dubbio la sua vittoria.

9. Per Aarón James, Donald Trump è un imbecille incosciente, tropo idiota per essere un manipolatore cinico o intrigante; ciò non toglie che voglia avanzare sempre più sul terreno della politica citandosi come un uomo delle meraviglie, con quella passione per se stesso che ha infiammato gli imbecilli che lo hanno votato.

10. E’ un sessista, razzista, xenofobo e forse l’ imbecillità non è la peggiore caratteristica, analizza James. E non ha rivali quando si tratta di mostrare i propri arti affermando di aver fatto boxe. Raccontano che a scuola fosse un bullo dei peggiori che amava umiliare i più deboli.

Chi è Aaron James? È Dottore in Filosofia presso la Harvard University e professore di filosofia presso l’Università della California, Irvine. È autore del libro sopra menzionato e di altri sull’economia globale. Ha ricevuto molti premi per i suoi studi avanzati in merito alle scienze comportamentali.  Nel 2013 è stato un visiting professor di filosofia presso la New York University.

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...