Femminicidio: il più efferato crimine di sempre. Ciudad Juàrez

Siamo di fronte al più riprovevole crimine di tutti i tempi.

Ciudad Juárez, è una città nello stato messicano di Chihuahua, gemellata con El Paso, in Texas, dove più di 450 donne sono state ammazzate secondo la solita meschina regola: sequestro, violento supplizio, stupro, amputazioni di parti pubiche e rettali, soffocamento tramite buste di nylon. Da svariati anni -chi dice 11, chi tredici, chi addirittura 15-, con la cadenza di due morti al mese, nei sobborghi di questo abominevole capoluogo vengono riportati alla luce cadaveri di giovani donne, nella maggioranza dei casi fanciulle non ancora sviluppate e adolescenti: denudate, seviziate e sfregiate. Alcuni detective della Polizia di Chihuahua pensano sia l’attività di due, al massimo tre, serial killer pazzoidi, finora latitanti e sicuramente aiutati da gente del posto.

La storiografia di uno dei più repellenti serial killer, l’ungherese Bela Kiss, è una vera e propria epopea, per gli studiosi di criminologia, non tanto per la sua malvagità, quanto per l’abitudine a riuscire a sfuggire alle forze dell’ordine fino alla sua morte avvenuta nel 1936. Tutto ha inizio con un doppio assassinio per amore, per procedere poi ad una vera carneficina che si concluderà con la ventiquattresima vittima.

Theodor Robert Bundy, celeberrimo serial killer del ventesimo secolo, primo nella insopportabile graduatoria dei sicari assassini, ha accompagnato con se nella fossa la verità su un’ innumerevole serie di uccisioni la cui disumanità è penoso rappresentare.

Se questi miei riferimenti a due dei più sadici e infernali assassini seriali vi hanno impressionato, certamente è perché noi tutti alligniamo in realtà pressoché ordinarie nelle quali simili brutture non accadono sovente.
Vicende, comunque, che ci parrebbero scontate se agissimo in un mondo in cui venissero ammessi i più nefandi crimini: rapimenti, abusi, deturpazioni fisiche, delitti. Un ambiente dove gli agenti di polizia nascondessero i killer peggiori, ne diventassero i loro favoreggiatori, gioissero nel diffamare gli incolpevoli e intimidissero, o perfino uccidessero, qualsiasi inquirente. Un non mondo in cui i poteri forti facessero finta di non vedere, gli assassini vivessero resi liberi e gli innocenti tormentati.
In breve, un incubo ad occhi aperti.

Il grande problema è che questa società dell’orrore esiste. Ogni cosa è vera quanto reali sono le vittime, gli accertamenti e le deposizioni accumulate, da poliziotti onesti, in tutti questi anni.
Ciudad Juárez, confina con gli Stati uniti. La sua popolazione, 1.350.000 abitanti, è ormai da anni prigioniera di criminali senza volto, identità che molte autorità del luogo non intendono svelare. I diritti umani vengono ogni giorno calpestati dalla burocrazia e dall’inettitudine della polizia locale. Più di 450 donne sono state sequestrate, seviziate e sfregiate orribilmente. Molte di loro avevano peculiarità comuni: circa duecentottanta provenivano da famiglie disagiate, la maggioranza operaie, tutte di statura bassa, capelli neri e lunghi.
Tutte hanno trovato la medesima terrificante fine e per moltissime non è stato possibile associarle ad un nome.
Diversi corpi sono stati rinvenuti nei rioni del centro, altri sono emersi, dopo le lunghe piogge, nelle incolte terre dei sobborghi. Resta una certezza: le altre vittime sono state fatte a pezzi in altre zone, dopo avere subito le più aberranti e sadiche torture.

Il modus operandi dei sicari è la fotocopia di quello dei più spietati serial killer. Gli atti criminali si replicano, si rassomigliano, le atrocità sono le mesme, comprendendo in particolar modo fanciulle e adolescenti, e nientemeno che bambine di 9 o 11 anni.
Ciudad Juárez è, a tutt’oggi, il posto meno sicuro al mondo, con la più alta percentuale di criminalità verso le donne. Nemmeno negli Stati uniti dove i serial killer pullulano come formiche, il sesso femminile è così seriamente al pericolo.
In questa infernale città, quattro persone strangolate su dieci sono giovani ragazze.
Le Nazioni Unite, avvertono nei vari summit sui diritti umani, che queste catene di delitti non avranno una fine breve dal momento che, il livello di immunità nello stato di Chihuahua è pari al 100%. D’accordo e accettiamo le percentuali dell’ONU, ma allo stesso tempo mi chiedo quali soluzioni siano possibili per annientare un simile eccidio, se non serva rispondere a questa ecatombe con un atto di forza. E lo chiedo alla confinante America, che come tutti sappiamo non perde tempo nello sferrare attacchi missilistici a certuni possessori di bombe atomiche. No, Mr President Obama, Chihuahua non possiede ordigni di distruzione di massa, ma incorpora all’interno della sua società il più alto tasso di criminalità al mondo, con giovinette che tirano un sospiro di sollievo se la sera riescono a tornare a casa dal lavoro sane e salve. Non è anche questa una forma di bieco terrorismo?

Nel 2001, Candice Skrapec, una delle più importanti criminologhe del mondo, dichiarò apertamente che più di 100 degli omicidi erano stati compiuti da due killer seriali. La Skrapec era certa che Angel Maturino Reséndez , il tristemente celebre «assassino delle ferrovie», fosse uno degli artefici.

Per quale orribile motivazione certi corpi sono stati smembrati e altri sfregiati e deturpati? Da cosa deriva tanto furore sulle vittime, tanta bestiale perversione? Siamo di fronte a una setta satanica? Ad un’organizzazione che filma tali avvenimenti e li rivende ai siti masochisti della rete? Abbiamo a che fare con trafficanti di organi?
Le domande si avvicendano all’infinito, ma nessuna indagine autorevole riesce a produrre il benchè minimo riscontro. Disparate deposizioni suggeriscono che i delinquenti avrebbero avuto protezione da parte di autorità altamente corrotte. Altri affermano che gli stessi poliziotti di Chihuahua treschino con certi narcotrafficanti per ottenere agevolazioni dai poteri alti del Messico.

Intorno al 2003 diversi corpi martoriati vennero ritrovati nei paraggi di un’abitazione di trafficanti di droga. Questa sembrava ben più di una semplice concomitanza, poiché poteva sancire una relazione tra gli assassini e il racket del narcotraffico. Le personalità atte alle indagini però rigettarono ogni richiesta in tal senso.

Governo locale, magistratura, polizia insistono vigliaccamente a minimizzare in merito al numero delle morti e, all’opposto, additano le vittime stesse come imputabili degli accadimenti, in quanto molte di loro «passeggiavano in posti oscuri vestendo minigonne o differenti abiti da puttane…».

Le autorità avvalorano il loro compito, dicendo di aver risolto decine di casi, -ma il vero grosso problema è da riscontrare nella leggerezza delle donne che si fanno beccare mezze nude, pur sapendo il rischio che corrono- soggiungono codardamente. Inoltre, sostengono che molti degli omicidi commessi «saranno chiariti quanto prima».

Ma, è ancora realmente immaginabile fidarsi di queste persone? Con le loro frasi «criminali acciuffati» o «indagine con esito favorevole» tentano di ingannare i familiari delle vittime, e il mondo intero, per cui, in concreto, sono semplicemente degli interrogatori a individui «messi a conoscenza dei fatti». Il disegno criminale di vari rappresentanti governativi per «decifrare» il problema dei serial killers di Ciudad Juárez ha addotto una serie di contraffazioni e camuffamenti, che in realtà incriminavano degli incolpevoli, persone semplici che non avrebbero nociuto alla falsificazione degli inquirenti.

Fonti certe confermano che alcuni influenti appaltatori di El Paso, di Ciudad Juárez e di Tijuana ingaggerebbero criminali assassini per far sequestrare ragazze e darle loro in pasto, così da seviziarle, deturparle e assassinarle in maniera atroce, per poi tornare beatamente, nelle loro ville con piscina, dalle famiglie. Le forze di polizia messicane sarebbero state da moltissimo tempo avvisate della cosa, ma a tutt’oggi negano ogni loro intervento, asserendo che non ci sono prove tangibili. Quanto sopra potrebbe essere una spiegazione di questi mancati provvedimenti delle autorità, nonostante la morte di più di 400 ragazze: una tremenda commistione fra criminalità, imprenditoria e poteri forti.

Ma, mentre sto scrivendo, gli assassini seriali staranno girando liberi e sicuri per le strade di Ciudad Juarez, a caccia di altre giovani da massacrare. Sì, e proprio in questo momento, forse un’altra minuta ragazza -dai lunghi capelli neri- starà spirando sotto feroce tortura nella città del diavolo.

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...