Parigi si tinge ancora di rosso sangue; quello di un agente di polizia ucciso da un vile terrorista. Feriti altri due suoi colleghi poliziotti. L’Isis rivendica l’attentato, mentre le istituzioni francesi si dimostrano inesistenti

Quando ho appreso dalla TV che Parigi, la Francia, avevano subito l’ennesimo attacco terroristico sono rimasto esterrefatto. Ormai per l’Isis, o chi per essa, tanto sempre di vili assassini si tratta, è diventato un giochetto far fuori, depistare i servizi segreti francesi.

Quando uno di loro è annoiato dice all’amico tagliagole:” Uff, sono senza stimoli, sai che faccio? Vado ad ammazzare qualche francese…però non so se torno a casa.”

E così ha fatto il killer iersera, un terrorista noto, da mesi e mesi, alle autorità parigine e di tutta la Francia. Youssel El Osridim (39anni), così si chiama, si è ben armato ed è andato a farsi quest’ennesima scampagnata di sangue, uccidendo un agente, ferendone altri due e creando di nuovo l’orrore e il panico tra le  persone che tranquille passeggiavano sugli Champs Élysées.

Ma, per non infierire sulle istituzioni d’Oltralpe, tengo a puntualizzare che una mezz’oretta prima dell’assalto il buon Youssel, sul Social Network Telegram, aveva postato un messaggio dove dichiarava esplicitamente di voler uccidere degli agenti di polizia. Insomma, per lui, una specie di gioco, tanto sapeva che avrebbe raggiunto indisturbato l’obbiettivo.

E’ salito in auto e al primo semaforo rosso ha affiancato una volante della polizia; pochi attimi per prendere la mira e ha fatto fuoco, uccidendo chi guidava. Stavolta l’obbiettivo dell’Isis, che ha rivendicato l’attentato, non sono stati i civili ma le forze dell’ordine. Si saranno detti questi sporchi assassini:” Ma sì! Con le persone comuni è troppo facile, alziamo un po’ il target”.

Youssel El Osridim, era ( parlo all’imperfetto perchè è poi stato ucciso), come già detto, ben conosciuto dall’antiterrorismo, infatti basta ricordare quando nel 2001 fu sorpreso su un’auto rubata e vedendosi braccato dalla polizia dette inizio a una sparatoria con alcuni agenti che lo inseguivano. L’azione ebbe a fruttargli 20anni di galera. Poi, in carcere, quest’angioletto, assalterà una guardia penitenziaria dopo avergli sottratto la pistola.

Sarà un caso, ma c’è una gran puzza di bruciato essendo in prossimità delle elezioni francesi. Che qualcuno sia in combutta con queste belve dell’Isis per…

 

 

Foto: il satanico assassino

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...