Il PM Henry John Woodcock e Marco Travaglio vanno sospesi. Ecco perché

Viviamo in Italia, quindi tutto ciò che riguarda la giustizia e un certo tipo di stampa non dovrebbero più sorprenderci, ma adeguandoci a tale sistema vincerebbe la non giustizia e i giornali che predicano la falsità.

Sì, avete capito, mi riferisco al caso Consip, ove è stato commesso un deprecabile errore, sbaglio che non è stato spiegato in maniera credibile anzi ha aumentato la teoria del complotto più marcio e destabilizzante.

Tutti sono rimasti al loro posto e ognuno tira a campare.
Solitamente, in ogni settore lavorativo, soprattutto quelli che hanno a che fare con la comunità, chi commette gravi passi falsi viene sospeso in attesa della verità e di come si sono svolti i fatti.

Tutti i settori lavorativi dicevo, meno quello intoccabile della magistratura dove si possono mandare in galera migliaia di innocenti senza che nessuno venga minimamente toccato; al massimo uno spostamento di sede in altra città. Dove un PM può essere accusato di pedofilia e dopo un po’ di tempo avere un avanzamento di carriera. Dove un giudice di sorveglianza rilascia un permesso natalizio a un noto serial killer e questo non fa ritorno in carcere ecc ecc.

Ora è il turno del PM di Napoli Woodcock, che approvando un falso ha colpito il padre di Matteo Renzi e di conseguenza lo stesso ex Premier. Non sapremo mai se l’azione del PM napoletano sia stata fatta in malafede o meno, sappiamo però che c’è stata una imperdonabile noncuranza e mancanza di approfonditi controlli prima di dare la notizia in pasto a certi avvoltoi della carta stampata e del web.

A questo punto chiunque si aspetterebbe che Woodcock e gli inaffidabili personaggi che hanno creato il falso fossero immediatamente fermati e allontanati dal caso. Indovinate se è successo questo? No, davvero! Tutti continueranno appassionatamente a indagare sulla Consip con l’aggiunta della rabbia accumulata verso i magistrati romani che hanno portato in superficie il falso. Risultato: un’irrefrenabile desiderio di vendetta da parte della Procura di Napoli.

Veniamo ora a Marco Travaglio, santo protettore di PM, giudici, e toghe varie. Lo stesso, querelato da Matteo Renzi, per aver dato rilevanza primaria nel suo giornale il Fatto Quotidiano al falso poi rivelatosi una vera chiavica, per cercare di giustificare la cosa ha espressamente detto, come un magistrato che ha sbattuto in carcere un innocente: “Non è la prima e non sarà l’ultima volta che un investigatore sbaglia”. Bellissima e chiarificatrice spiegazione.

Poi, un’altra genialità giornalistica:” Solo uno sbaglio spiacevole, ma umanamente comprensibile”.

Personalmente, più che errore lo definirei reato. Qui si è scoperta una vera e propria trama ai danni dello Stato e, quindi, di tutti noi cittadini. I verbali falsi sono uno sbaglio?  San Travaglio, protettore di PM, magistrati…- ah già!, l’ho scritto sopra – crede che noi italiani siamo dei trogloditi con il cervello limitato da qualche tara radioattiva.

Un errore che poteva compromettere la carriera di un politico (molti di altra fede diranno: magari!) e la vita di suo padre; azione non andata in porto solo perchè la procura e un giudice hanno sbagliato goffamente mira e soprattutto perchè Henry John Woodcock, come tutti sanno, non è nuovo a questi “errori”.

Tanto lui può permetterselo, ha un santo che lo protegge.

 

Foto: Travaglio e il PM Woodcock

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

4 thoughts on “Il PM Henry John Woodcock e Marco Travaglio vanno sospesi. Ecco perché”

  1. Anche a me non è piaciuta la reazione del Fatto quotidiano, che pure è un quotidiano che apprezzo per la sua ironia. Una volta accortisi di aver preso una cantonata e di aver gettato badilate di fango a vuoto su Tiziano Renzi, la cosa più saggia da fare per i giornalisti del Fatto sarebbe stata cospargersi il capo di cenere e chiedere umilmente scusa: e invece cos’hanno fatto? Hanno sparato in prima pagina un titolo del tipo “Cade un indizio su Tiziano Renzi (ma restano in piedi tutti gli altri).” Un tentativo di arrampicarsi sugli specchi pur di non ammettere l’errore che ho trovato ridicolo e indisponente (e lo dico da elettore tutt’altro che ben disposto nei confronti di Renzi). Sei d’accordo?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...