Lo dice la storia: l’Inter prima o poi ha il rigetto degli allenatori di seconda fascia

C’è veramente poco da fare, l’Inter, durante il suo cammino centenario, ha sempre fatto capire che prima o poi tende a rigettare gli allenatori di seconda fascia, o terza come Orrico, rinvigorendosi solo con i grandi Mister. E’ la storia a parlare e io che la amo non posso che essere con lei.

Fino a poche settimane fa, comprendendo la sosta per la Nazionale, Pioli era osannato come il salvatore della patria nerazzurra, ma a ben vedere le strisce positive erano arrivate solo con squadre di mezza tacca, fatta eccezione per la partita con l’Atalanta.

Gli spartiacque con Napoli, in quel dei partenopei, Lazio in casa (Coppa Italia), Roma a San Siro, Juventus a Torino, Torino a al Comunale, Sampdoria in casa, Crotone fuori casa, hanno dimostrato che siamo tornati ai tempi da apocalisse, quando eravamo guidati dai vari Mazzarri e Mancini, ma ora il futuro è ancora più nero e tetro.

Un dèjà vu angoscioso, che riporta la mente alle catastrofiche sconfitte in casa e fuori con le piccole, con le neo promosse, con le compagini ormai in serie B.  La colpa è dell’allenatore? Sì e no. Sì, perchè gli orientali dovevano sin dall’inizio puntare ad un grande coach; no, perchè Pioli è un mediocre, vincendo con squadre da torneo dei bar e perdendo tutte, o quasi, quelle con le grandi ( se l’Atalanta può essere classificata grande).

La Società non esiste, sa fare solo grandi proclami e, nonostante, le promesse di una futura grande squadra, l’anno prossimo saremo ancora qui a domandarci di chi è la colpa. Ho letto alcuni giornali sportivi e non, che valutavano la prestazione oscena dell’Inter, e tutti davano la colpa ai giocatori e al mister, senza però entrare nel dettaglio filosofico della vicenda.

La rosa dell’Inter è una delle migliori d’Europa, però, a parte questo, è riuscita a fallire per l’ennesima volta. Ha deragliato sul più bello perchè non ha un Mourinho, un Capello, un Conte, un Guardiola, un Ancelotti, allenatori vincenti che sanno affrontare ogni tipo di avversario, che sanno stimolare la squadra ai massimi livelli, che riescono ad iniettare una tale dose di fiducia che anche i giocatori più scarsi riescono ad integrarsi alla perfezione nel gruppo.

Sono certo che Conte, con questi giocatori, sarebbe tranquillamente arrivato al terzo posto, partendo da dove ha iniziato Pioli. Avrebbe vinto con la Roma, col Torino,con la Samp, a Crotone sarebbe finita in goleada per i nerazzurri. Pioli è uno spento come Mazzarri, come Mancini certe volte, è un non vincente, non riuscirà mai a trasformare il brutto anatroccolo in un cigno; mai!

E, ora, anche gli occhi a mandorla, dopo le dichiarazioni alla sconfitta di ieri, sembrano meno convinti: ” È accaduto ciò che non doveva accadere”; “Guardiamo come andrà il derby”.  Dai trionfalismi di pochi giorni fa al pericoloso dietrofront di chi comanda.

Che Zhang sia già stufo di ausilio e compagnia bella? Io lo sarei.

La Beneamata è settima, anni luce dagli intendimenti di una squadra vincente e consapevole della propria forza. Gli stessi giocatori, da mega eroi, sono diventati improvvisamente dei brocchi senza valore e ora sta diventando tremendamente difficile raggiungere un posto anche in Europa League. La sua rosa, come detto sopra, è discreta, ma non ha coraggio, non ha responsabilità…non ha carattere. Purtroppo, non possiede nemmeno un fuoriclasse. Icardi è un grande centravanti a momenti, ma non un trascinatore. La Juve ha Buffon, Chiellini, Bonucci, Higuain…

La Roma ha Nainggolan, il Napoli Insigne e Hansik, la Lazio Biglia e de Vrij; il Milan tanti giovani con l’entusiasmo di fare sempre meglio.  L’Inter col Crotone è apparsa spocchiosa e inconcludente, C on i centrocampisti, mentre era sotto di due goal, che giocavano di suola e di tacco. Ci fosse stato Mourinho non sarebbe mai accaduto.

L’avessero fatto a Conte si sarebbero ritrovati a vita in tribuna.

All’Inter si tende a giustificare tutto, senza vincere mai più nulla.

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...