La storia delle scarpe a tacco alto. Dall’antico Egitto ai giorni nostri

 

image  Scarpa greca.

La scarpa con tacco 4 cm, o quella il cui tacco è appena 2 cm, è materia di discussione ormai da tempo immemore. Le calzature in generale, sono state di solito dei veri e propri marcatori di genere, classe, razza ed etnia – e sia il piede sia la scarpa sono stati ritenuti influenti e potenti simboli fallici e di fertilità, come evidenziato nella pratica contemporanea di legare un paio di scarpe all’ auto della coppia appena sposata. Nessun’altra scarpa, però, ha una così ampia approvazione di calzabilità per il tempo libero, per la sensualità e la sofisticazione quanto la calzatura con i tacchi alti, per le donne in particolare. Piena di contraddizioni, con tacchi 13 paradossalmente inibitori di movimento, ma tendenzialmente amici sinceri nel mascherare la vera altezza, almeno in apparenza. In piedi con i tacchi, una donna si presenta già a metà cammino e al tempo stesso riduce la lunghezza del suo passo, favorendo l’illusione della reattività e della velocità, suggerendo nel contempo, a chi l’ammira, la promessa di una caduta imminente. Più alti sono i rialzi e più instabile è il tallone, e maggiormente evidenziate sono queste contraddizioni. Medici e studiosi del piede dissertano tutt’ oggi circa l’effetto fisico e culturale, sia positivo che negativo, che i tacchi hanno non solo sulle donne, ma sulla società nel suo complesso.

Precursori delle scarpe con tacco

La maggior parte del ceto inferiore, nell’antico Egitto, camminava a piedi nudi, ma i rilevamenti delle pitture murali -risalenti al 3500 aC- mostrano una prima versione di scarpe indossate soprattutto dalle classi superiori. Queste erano pezzi di cuoio tenuti insieme con un’ allacciatura spesso disposta per rassomigliare il simbolo di “Ankh”, dio della vita. Ma sono ben visibili anche alcuni dipinti di entrambi i ceti alti, maschili e femminili, con i tacchi probabilmente indossati per scopi cerimoniali. I Macellai egiziani calzavano i rialzi, per aiutarsi a camminare sopra il sangue degli animali morti.

Calzature egizie in onore al dio Ankh image

Nell’antica Grecia e a Roma, i sandali con piattaforma, denominati kothorni, più tardi conosciuti come coturni o stivaletti nel Rinascimento, erano calzature con suole di legno o sughero a base alta, molto popolari soprattutto tra gli attori che avrebbero indossato simil calzature -di altezze così diverse- per indicare lo status sociale o la diversa importanza dei personaggi rappresentati.

Nell’antica Roma, il commercio del sesso non era illegale e certune prostitute venivano prontamente identificate dai loro tacchi alti.

Durante il Medio Evo, uomini e donne, indossavano zoccoli, o suole di legno, chiaramente precursori del tacco alto. Tali zoccoli venivano a sostituire, in strade fangose e piene di detriti, le scarpe fragili e costose soggette a minore duratura temporale, proprio per il materiale (lino, seta e caucciù) con cui erano modellate.

Nel 1400, chopines o zeppe, vengono create in Turchia ed introdotte in seguito, alla metà del 1660, in tutta Europa. Queste calzature potevano avere dei rialzi in sughero o legno di 8-10 cm, ma talvolta arrivavano anche a 18-20 cm, la qual misura richiedeva alle donne di usare bastoni o servi per aiutarle a restare in equilibrio. Venivano indossate solitamente dal sesso femminile o da eunuchi.

Zeppa turca      image

I Veneziani hanno fatto delle pianelle un loro status symbol, rivelando con esse la ricchezza e la posizione sociale delle donne, sebbene alcuni viaggiatori orientali solessero indicare ironicamente l’uso di queste calzature definendole “scandalosamente alte”.

Un visitatore persiano osservò -ad un’asta di gioielli che – “quei trampoli sono stati inventati dai mariti di belle mogli, con la speranza che il loro movimento ingombrante renda loro difficili le relazioni illecite”.

Possiamo già orientarci, a questo punto, su certe questioni di dominazione e sottomissione associate alle scarpe, proprio come le pianelle di loto della Cina.

Infatti, sia le concubine cinesi che le odalische turche indossavano scarpe alte, costringendo gli studiosi a ipotizzare se i tacchi fossero stati utilizzati non solo per ragioni estetiche ma anche per impedire alle donne di fuggire dagli harem.

Le scarpe, durante il 1550, cominciavano ad essere create in due pezzi, con una sezione superiore flessibile collegata ad una base pesante e rigida. Questa nuova calzatura dalle due parti ha portato il tacco ad essere congiunto alla parte effettiva della scarpa, piuttosto che a fare solo da copriscarpa collegabile.

I tacchi sono cresciuti in popolarità, nel corso del 1500, soprattutto per evitare ai cavalieri, sia maschi che femmine, di scivolare dalle staffe. I tacchi di questi stivali, a metà del suddetto secolo, vennero resi più stilizzati e sottili da Caterina de’ Medici che ne fece una vera e propria moda da utilizzare anche fuori dall’ambito prettamente equestre. L’introduzione del tacco alto e la concomitante difficoltà a creare una forma speculare rigida (uno stampo di piede usato per fare le scarpe) portò i calzolai a ideare “la scarpa dritta” o le calzature che potevano adattarsi sia al piede sinistro o destro. La destra e sinistra sarebbero poi tornare agli inizi del 1800, quando i tacchi furono abbandonati.

L’invenzione formale dei tacchi alti come Fashion

L’invenzione formale dei tacchi alti come moda è solitamente attribuita alla bassa statura di Caterina de’ Medici (1519-1589). All’età di 14 anni era fidanzata con il potente duca di Orleans, poi re di Francia. Era minuta (non del tutto un metro e mezzo) rispetto al Duca e difficilmente considerata una regal bellezza. Si sentiva insicura di fronte a quel matrimonio combinato, sapendo che sarebbe stata la regina della Corte di Francia, ma soprattutto temeva la concorrenza con l’amante del duca, certamente più alta di lei, Diane de Poitiers. Alla ricerca di un modo per stupire la nazione francese e compensare la sua mancanza di appeal estetico, Caterina aveva indossato, durante una festa di ricevimento, delle scarpe con tacchi alti 7 cm che le avevano dato un fisico più imponente e un seducente ondeggiare quando camminava. I suoi tacchi riscossero un successo enorme e, da allora, vennero associati con privilegio all’abbigliamento femminile.

Mary Tudor, o “Bloody Mary”, un’altra monarca che cercava di apparire più alta, iniziò, senza mai smettere, di indossare rialzi: i più alti possibili. Dal 1580, questi rialzi divengono popolari per entrambi i sessi, e una persona che aveva autorità o ricchezza, e indossava scarpe con tacchi alti ,veniva spesso definita “benestante”.

All’inizio del 1700, in Francia, re Luigi XIV (il Re Sole) spesso portava tacchi con personali decorazioni che raffiguravano scene di battaglia in miniatura. Questi rialzi vennero denominati “tacchi Louis,” e la loro altezza toccava solitamente i 9 cm.

Il re decretò che solo la nobiltà poteva indossare rialzi colorati di rosso ( les talons rogue ) e che nessuno mai avrebbe potuto portarli uguali ai suoi.

Il Re Sole, con i rialzi rossi       image

Nel corso del secolo, una sorta di feticismo culturale del piede veniva manifestandosi in vari modi.

Per esempio, sotto l’influenza del Rococò, che evidenziava una corte nobiliare basata sullo stile decorativo e ornamentale, i tacchi diventavano più alti e slanciati, una mossa questa altamente femminile che completava lo stile della corte stessa.

Inoltre, il romanziere Restif de Bretonne, creò un’enfasi erotica con il piede finemente ad arco unito al tacco alto delicatamente curvato “a memoria di piede piccolo e amabile”.

Di conseguenza, molte donne iniziarono a coprire i piedi con nastri di seta per ridurne, apparentemente, le dimensioni. Come il corsetto, i tacchi alti scolpivano il loro corpo per farlo sembrare più aristocratico, puro, raffinato e desiderabile. La natura sessuale del tacco alto veniva notata anche dai Puritani nel Nuovo Mondo. La colonia del Massachusetts ebbe ad approvare una legge che vietava alle donne di indossare rialzi alti per irretire l’uomo. Nel caso fosse stata trovata con scarpe coi tacchi alti veniva processata come strega “istigatrice di sesso demoniaco”. Solo a metà del 1800 l’americano medio avrebbe abbracciato e accettato la moda della scarpa europea.

Rivoluzione Francese e la rivolta contro i tacchi alti.

Nel 1791, “ i tacchi Louis” scomparvero con la rivoluzione, e Napoleone bandì i rialzi, nel tentativo di mostrare l’uguaglianza tra i cittadini. Nonostante il codice napoleonico contro i tacchi alti, nel 1793 Maria Antonietta salì sul patibolo per essere ghigliottinata indossando rialzi alti 9 centimetri. Il tacco, pertanto, veniva abbassato notevolmente a partire dal 1791 trasformandosi in un ridottissimo, minuto cuneo o sostituito da bassi rialzi a molla. Queste scarpe risultavano per lo più molto fragili e dovevano essere rinforzate da nastri o spaghi che le attraversavano legati intorno alla caviglia, in stile sandalo romano.

Calzature con tacchi alti di Maria Antonietta    image

La scomparsa del tacco, a questo punto, rendeva più facile la calzabilità delle scarpe -da portare sia col sinistro che col piede destro- e rendendo le stesse più confortevoli. Da questo periodo al 1930, vennero creati quattro principali tipi di scarpe con tacchi, utilizzate dalle donne occidentali: il knock-on (o tacco a catena), impilati, primaverili, e il neo “tacco di Luois”.

Le scarpe col tacco alto ritornano à la page.
Nel 1860, le calzature con i tacchi, grazie alla moda, tornano di nuovo popolari, e l’invenzione della macchina per cucire permetterà una maggiore tipologia di rialzi. Nell’arte e nella letteratura vittoriana, disegni e allusioni ai piedi piccoli, come creati da Dio, e l’afflizione dei piedi di grandi dimensioni, tipici delle anziane zitelle, erano onnipresenti. L’età Vittoriana soleva sostenere che il tacco alto sottolineava sensualmente l’arco del piede ed era visto come simbolo di curve o fattezze della donna. Il collo del piede alto veniva associato, generalmente, ad una persona aristocratica ed europea, mentre quello più basso veniva accostato ad un’etnia afro-americana.

Quando le calzature con i tacchi alti fecero il loro ritorno, alcune delle loro indossatrici si sentirono confortate anche con rialzi da dieci, tredici centimetri.

Come per i corsetti dell’epoca, le calzature con i tacchi alti, secondo quanto sostenuto da alcuni specialisti del piede, risultavano essere non solo innocui, ma pure benefici per la salute perché contribuivano ad alleviare il mal di schiena, quando uno si chinava, e rendevano meno faticoso il cammino.

Ma i più attenti critici di moda affermavano, sicuri, che i tacchi alti creavano solo un’andatura più sessualmente aggressiva e servivano, seconda la divina Greta Garbo, come “poisoned hook” (gancio avvelenato) per catturare i maschi incauti. Alcuni addirittura associavano il tacco alto alle unghie divise di un diavolo o di una strega.

Racconti ammonitori, da questo momento in poi -come le molte versioni di Cenerentola- si occupavano con particolare feticismo del piede e della determinante importanza del materiale che li avvolgeva.

Usufruendo di queste considerazioni, l’America apriva, nel 1888, il suo primo magazzino di tacchi. Tuttavia, questo e altri paesi europei, si sentivano ancora ben lungi dall’imitatissima moda francese, dalla quale attingevano a man basa.

Mentre i tacchi alti hanno goduto di una diffusa popolarità verso la fine del XIX secolo, agli inizi del XX secolo, le donne hanno reclamato una calzabilità più comoda, scarpe possibilmente con suola piatta – accorgimento, questo, che si radicherà ancora più negli anni ruggenti (la decade 1920-30), quando suole dette “quasi a terra” -con tacchi visibilmente più elaborati e di minore altimetria- incoraggeranno, le donne di charme, al ritorno al “tacco Luois”. Ma la depressione di quegli anni influenzerà particolarmente la moda occidentale, con calzature dai rialzi meno stilizzati e più bassi.

Scarpe anni ’30       image

Hollywood, tuttavia, darà al tacco un nuovo e più elegante look, come le scarpe delle stelle del cinema (Ginger Roger) con tacchi, non altissimi, bianchi e scintillanti di glitter. Sta iniziando una sfida alla moda calzaturiera francese ed europea in generale.

Nel 1940, gli accessori di lusso erano molto scarsi tra le famiglie occidentali, a causa della Seconda Guerra Mondiale, e le calzature con i tacchi tendevano a rimanere moderatamente alte e spesse.

Scarpe anni ’40

image

La rinascita dell’Europa occidentale nell’alta moda inizia nel dopoguerra, in particolar modo nei primi anni ’50, grazie al designer francese Christian Dior e alla sua collaborazione con lo stilista di scarpe Roger Vivier.

Insieme sviluppano una tomaia scollata denominata “very vamp cut” (con la parte della scarpa che copre la punta e il collo del piede) con un tacco sottile chiamato stiletto, parola italiana che indica un piccolo pugnale con una sottile lama affusolata.

La prima menzione di questo nuovo shoes look si leggerà, sul Daily Telegram, di Londra, il 10 settembre del 1953, e conterrà queste testuali parole: “ Il tacco esageratamente esile e stretto equiparato all’altezza pura dello stesso suggeriscono un percettibile simbolismo fallico-erettile a dimostrazione di una maturità sessuale raggiunta almeno dai francesi”.

I tacchi-Stiletto vennero frequentemente vietati all’interno degli edifici pubblici, perché erano causa di danni ai parquet e alle pavimentazioni con moquette.

Con la creazione della minigonna nei primi anni 1960, gli stiletti sono associati agli stivali che miglioreranno notevolmente il look a gambe nude.

Stivali anni ’60

image

 

 

Mentre il movimento femminista, proprio in quegli anni, stava catturando l’attenzione di migliaia di ragazze e signore, di lì a poco spostò la sua attenzione sulle scarpe coi tacchi a spillo, definendoli una vera e propria disgrazia contro le donne. Gli slogan contro Dior e la moda francese si sprecavano: “ Liberate il prigioniero piede dalla femminilità forzata”.

Per molte di loro, i rialzi alti indicavano puro servilismo e raffiguravano degli stereotipi sessuali solo a favore del maschio. I tacchi erano eccitanti oggetti artigianali, creati consapevolmente per invalidare le donne, paralizzandole o almeno rallentandone i movimenti quando dovevano fuggire dalla violenza maschile o dagli oppressori sessuali. I tacchi venivano visti, dalle femministe, come fasciature improbabili e deturpanti dei piedi, paragonabili agli stretti e perversi corsetti regolatori della silhouette femminile.

Di conseguenza, crollato il mito della scarpa con il tacco vertiginoso, prende sempre più campo il rialzo basso e ispessito, che va di prepotenza a sostituire il fascinoso stiletto.

La disillusione degli anni sessanta con il logorio della vita contemporanea e l’angoscia per il futuro porta i giovani, in gran parte dell’Occidente, ad abbracciare la cultura hippie che riscopre la scarpa rasoterra o a piattaforma.

Le calzature piattaforma diventano immensamente popolari nel 1970, e forse nessun esempio incarna quest’epoca come le scarpe col tacco piattaforma di John Travolta nella sequenza di apertura del film “ La Febbre del Sabato Sera” del 1977.

Scarpa Piattaforma

image

Gli anni settanta, in generale, mostrano un periodo tumultuoso di sperimentazione di droghe, sesso e, naturalmente, fashion. Il cinismo abbonda, in quest’ arco di tempo, come le varie culture e sottoculture che gareggiano per attirare l’attenzione del pubblico. Uomini e donne vestono per scioccare, spesso indossando scarpe che ricordano gli antichi kothorni e chopines con tinte psichedeliche e turbinii di colori.

Nel contesto post-moderno degli anni 1980, il rifiuto femminista verso la moda inizia a perdere gran parte del suo sostegno popolare. L’idea che la moda, specificatamente le scarpe sexy, non è solo opprimente rinuncia al proprio ego, ma anche piacere estetico – fa si che la scarpa si impadronisca del suo unico, vero significato: fare la donna elegante e sensuale. I critici, in particolare le femministe degli anni 1980, sostengono che il fashion può essere un esperimento fatto di apparizioni, un esperimento che sfida ogni significato culturale. Quest’ alterazione di atteggiamento in merito ai tacchi alti, forse è provocata dalla contro-cultura della moda di strada dei primi anni 1980, così come dai dibattiti femministi circa il piacere e il desiderio femminile. Le donne occidentali ora affermano che indossavano i tacchi alti per loro stesse e che un po’ più di altezza è sinonimo di potere e autorità.

Mentre i tacchi più bassi sono stati preferiti durante la fine degli anni ’60 e ’70, quelli più alti tornano negli anni ‘80 e i primi anni ‘90.

La televisione mostra sempre più opulenza e eccessi come Dallas e Dynasty suggeriscono, e la dismisura diventa il marchio distintivo degli anni 1980.

Calzature anni ’80

image

Mentre le scarpe basse erano probabilmente indossate da una società corporativa, i tacchi dai design più sofisticati ed alti ora sono un segno di successo; la versione Yuppie al femminile. Laddove gli stilisti hanno contribuito a creare calzature con rialzi molto alti a partire dai primi anni ’90, come Jimmy Choo, Emma Hope, e ancora prima Manolo Blahnik , guidando le proprie aziende a grandi introiti, gli inizi del XXI secolo vedono le scarpe con i tacchi perdere terreno e abbassarsi ancora una volta, nel modo in cui il revival hippie sottolineava il comfort sull’ enfatizzazione della moda.

Scarpa Manolo Blahnik, anni ’90

image

Al giorno d’oggi.

Le donne del 21 °secolo hanno oramai una vastissima gamma di scarpe con le quali sentirsi al settimo cielo. Dall’abbigliamento sportivo del 2006 di Fendi alla scarpa col tacco vertiginoso di Manolo Blahnik del 2008-2009, le donne possono scegliere di indossare quello che vogliono, anche scarpe ibride, con i rialzi, scarpe da tennis e infradito. Quel che è certo è che i tacchi non sono scomparsi e anche in questo fine 2011 Gucci ha creato per le signore e le ragazze una collezione di scarpe con i tacchi da far perdere la testa.

Addirittura le filiali Crunch, una linea di palestre a livello internazionale, offre ai suoi abbonati femmine, 45 minuti di “Stiletto Strength”, esercizi che rafforzano le gambe e i polpacci delle donne rendendole così più sicure sui tacchi a spillo. Forse in parte influenzate dal successo televisivo di Sex in the City e Il diavolo veste Prada, alcune donne sono addirittura andate sotto i ferri per accorciarsi le dita dei piedi o farsi iniettare del padding -un’ imbottitura in sfere di cristalli liquidi- per permettere ai loro piedi di adattarsi, nel modo più confortevole, in un paio di scarpe con i tacchi a spillo.

Louboutin  2017

image

Cosa non farebbero queste incantevoli sirene per apparire più belle ed eleganti; e pensare che lo fanno per noi uomini!

“Non bisogna mai cercare di capire una donna. Le donne sono delle immagini; gli uomini sono dei problemi. Anche se queste possono essere stravaganze della moda, servono comunque per leggere nel pensiero di una donna”. Oscar WILDE.

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...