Attenti a quei tre! Parteciperanno alla sagra della bugia delle Piastre (Pistoia)? Emiliano, Renzi e Orlando gara a chi la racconta più grossa

Quando parlano loro sembra raccontino delle fiabe; così fiabe che non si può.

Sì, mi riferisco ai tre candidati alla poltrona di segretario del PD che goliardicamente hanno dato inizio alla prorompente campagna elettorale. Fanno veramente tenerezza nei loro spasmodici sforzi per accaparrarsi le simpatie di chi li ascolta.

Per i tre dell’Ave Maria, rimettere in sesto l’Italia è un gioco da ragazzi, non del liceo, ma addirittura delle elementari.

Renzi, Orlando e Emiliano hanno già tra le loro mani la soluzione a tutto: basta votarli.  Il cicciotello di Grignano, sbugiardando quanto detto mesi fa, è tornato alla politica manifestando eventi futuri forse derivati da ispirazioni divine che gli hanno fatto gridare al Lingotto ” La partita inizia adesso”. Sì Matteino, ma la batosta del 4 dicembre 2016, già dimenticata?

Sempre Renzi, quasi in trance sciamanica ha aggiunto ” Volevano dividerci, ma il partito non si rompe!” Ah no? Ma se ci sono più lotte intestine all’interno del PD che, quelle dei Borgia, sarebbero sembrate normali litigate tra tifosi al bar sport. L’ex Premier vede tutto rosa e fiori e intima che al Lingotto è tornata la vera politica,un clima euforico, bello, di vera passione civile,  ricco di desideri positivi per il futuro dell’Italia e dell’Europa. Povero Carlo Lorenzini, il tuo burattino dovevi chiamarlo Renzocchio e non…

Emiliano, invece, la sua sferzata ottimistica la lancia solo se verrà fatto fuori Matteino; infatti si rivolge a lui dicendo ” Il nulla lucente del renzismo ha alternative all’interno del Pd. E al momento l’unica alternativa al renzismo è la mia mozione. Orlando ora ha un pentimento tardivo dopo aver condiviso tutto del governo Renzi “.

Poi si è lasciato andare ad una frase (detta forse dopo qualche bicchierino di Guayabita del Pinar) dove ha espresso il proprio parere favorevole a una totale eliminazione delle buste paga dei politici, come previsto dalla Costituzione Di Cuba. “Gli stipendi devono essere sostituiti da una indennità che ripaghi della eventuale rinuncia stipendiale che si fa quando un politico è costretto a fare il politico a tempo pieno”.  Insomma, per lui, la nostra democrazia, dovrebbe prendere esempio dalla dittatura cubana.

Consiglio: bere meno Guayabita!

Tocca ora al ministro della Giustizia Orlando, che al teatro Eliseo di Roma, ha voluto sin da subito essere ben chiaro “Noi dobbiamo guardarci intorno e, sulla base di un patto politico programmatico, proporre un’alleanza larga: questo non è il momento di mettere paletti, ma di costruire ponti. Inseguire la vecchia destra ci ha portato alla sconfitta, inseguire questa nuova destra ci porterebbe al dramma”.

Tutto questo sperpero di parole quando bastava dire ” Assolutamente niente alleanze con la destra e il centrodestra”. Poi, profetizzerà un piano di soli tre anni per debellare la povertà in Italia. E aggiungerà ” Ci vuole un reddito di connessione, che non c’entra nulla con il reddito di cittadinanza, per la popolazione che vive sotto la soglia. Abbiamo calcolato che una famiglia di tre persone dovrebbe avere un sostegno di almeno 800 euro. Le coperture ci sono, ma dobbiamo fare in modo che in Italia non ci siano più persone in uno stato di stabile sofferenza”.

Quello che alle più grandi menti non è riuscito in tutta l’umanità, sconfiggere la povertà, a lui riuscirà in tre anni. Ma. Come abbiamo fatto a non capire che abbiamo tra di noi il genio dei geni, l’uomo che renderà Donald Trump ogni italiano; la persona che abbatterà ogni condizione di inferiorità economica e sociale.

Comunque, scherzi a parte, se vorrete vedere in carne ed ossa i tre grandi promettitori non vi resta che partecipare come concorrenti alla prossima edizione della Sagra delle Bugia, in quel delle Piastre a Pistoia.

 

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...