Buffon e i tifosi dell’Inter. Lezione di stile da uno di Calciopoli. Evviva la Panolada

Al signor Buffon, non piacciono gli stadi i cui spettatori protestano con la panolada, il tipico sventolio di fazzoletti o panni bianchi che stanno a dimostrare le sviste arbitrali e i soprusi subiti dalla propria squadra.   image

Pochi giorni fa il calciatore dal dire inconcludente, ha esternato il suo disprezzo per i tifosi interisti che hanno osato mettere in pratica tale azione. Sicuramente il portiere della Nazionale amerà quando i supporter di questa o quella compagine si menano o si tirano vicendevolmente  petardi o razzi dall’una all’altra parte dello stadio, o quando si accoltellano e magari ci rimangono secchi. Il protestare in maniera civile, dunque, non rientra nelle sue corde.

Non mi metto certo a ricordare le ormai celeberrime, e per taluni vergognose, scommesse alle quali ci ha abituato il marito della D’Amico, dove ha toccato  picchi di 1.582.000 Euro a botta.  E chi se ne frega! Così come il summenzionato non dovrebbe troppo interessarsi ai fattacci dei tifosi di altre squadre, tifosi per altro anche suoi, quando veste i panni della Nazionale di cui è capitano. Bravo campione dei miei stivali,  li tratti proprio bene i tuoi supporter.

Comunque l’uomo che insinua verso gli altri, mi sembra sia passato da Calciopoli, quando i cosiddetti giocatori onesti della Juve lasciarono la squadra imprecando e dicendo ” Credevo di vincere sul campo (Zambrotta) “.

Ormai è pura statistica, ogni squadra che gioca contro i bianconeri a fine gara ha sempre da recriminare sull’operato dell’arbitro. Che tutti siano dei deficienti?  Negli ultimi quattro match fondamentali per i primi posti disputati dalla Juventus con Inter, Napoli, Roma e Milan la dirigenza torinese è stata oggetto di polemiche a non finire per certune decisioni arbitrali sfacciatamente a suo favore.

Pertanto, Furbon, ah no scusate, Buffon, dovrebbe darsi una calmata e pensare alle partite che ha giocato, prima del Triplete Interista, con il Rimini, l’Albinoleffe, lo Spezia, l’Arezzo, la Triestina ecc.ecc.

A questo punto il fatidico FairPlay tanto osannato da molti è solo di facciata? Dalle loro dichiarazioni parrebbe proprio di sì. Ah, quanto mi manca il mitico Agnelli, quello vero, no questo che sembra una parodia venuta male di Kermit la rana dei Muppet Show. Quello originale sapeva, come Prisco, smitizzare il tutto e certamente non si abbassava a siffatti turpiloqui.

Buffon, quindi, prenda esempio da Handanovic che quando deve presentarsi alla stampa sembra lo portino verso il plotone di esecuzione, e non faccia il moralista solo quando gli torna comodo.

Farebbe un immenso regalo a tutti se talvolta se ne stesse zitto e buono e ricorresse meno a quel suo fare altezzoso e solenne nell’esprimersi…o meglio, nel tentare di esprimersi.

Qualcuno disse che il silenzio è d’oro; altri l’oro se lo giocarono!

 

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...