Politica, l’unica fiaba senza eroi e dal finale scontato

Questa fiaba vede come protagonisti i soliti, stantii, ripetitivi personaggi che da tempo immemore sono sin troppo presenti nella nostra corrosa e corrotta politica.

Ci sono, per dirla tutta, anche interpreti nuovi, ma con idee blasfeme e vecchie, e avversari non tanto datati, ma comunque la massa è formata dagli abituali faccioni, contestatori giovani che poi, come facevano chi li ha preceduti, rientrano di buon ordine nei ranghi; guru dell’arte del governare, raccomandati senza vergogna a danno di chi merita davvero, ricchi proprietari di banche e giudici politicizzati che sembrano velette televisive senza etica.

Ci sono tutti in questa favola politica, tutti a parte la figura dell’eroe!

Perché in tale narrazione della politica belpaesana, è praticamente impossibile scovare l’individuo positivo (se non alla droga) e il tutto diventa in breve attimi una mera, interminabile caccia al tesoro che non c’è.

Ho provato a cercarne qualcuno, ma non mi è stato possibile.

Ho tentato ripetutamente di snidare certuni personaggi che fossero capaci di realizzare un finale alla “…e tutti vissero felici e contenti”, ma non ne sono stato capace.

Non c’è verso, la fiaba politica italiana è qualcosa che va ben oltre il normale standard delle fiabe internazionali.

Arresti, licenziamenti, proibizioni, trasgressioni; truffe, favoreggiamenti, danneggiamenti, ricatti, intercettazioni; battaglie senza esclusioni di colpi alle terga, vittorie rubate, persecuzioni, leggi inadeguate, prove infondate, divulgazioni, false confessioni, condanne e via dicendo.

Tutti argomenti negativi che stanno tranquillamente in una oscura fiaba politica, la quale però difetta della controparte per antonomasia: la moralità, l’etica, la forza simbolica della filosofia del bene. Il principe azzurro si è trasformato nel politicante opportunista e falso, colluso col mondo del crimine e lontano anni luci dall’interessamento per chi soffre.

E, quindi, senza tale porzione di moralità è inevitabile non arrivare mai a una controversia autorevole, mentre il tutto, in breve tempo, si trasforma in mera storia fiabesca dal sapore angoscioso.

In altre parole, come è facile prevedere, si crea un percorso serpeggiante, zigzagante e si finisce, immancabilmente, con il ritrovarsi al punto di partenza, come un boomerang o il Gioco dell’oca, con le identiche vicende, prese di posizioni, con le stesse contraddizioni e, a meno di qualche new entry, con gli identici e noti volti di sempre.

E allora che gusto c’è a scrivere una fiaba dalla trama facilmente immaginabile?

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...