Questo inspiegabile astio per l’Inter e la sua dirigenza. E Rizzoli…che pasta d’uomo!

È stato scritto di tutto e di più riguardo alla partita Inter-Juventus è niente si è mostrato veritiero o appena credibile. Infatti, nessun giornalista o addetto a questo meraviglioso sport ha avuto il minimo interesse a dire come realmente sono andate le cose.

I nerazzurri hanno perso giocando, però, bene, e senza mai aver urlato al cielo la loro superiorità. Hanno ammesso che la Juve è ancora distante, ma più vicina di anni fa.

Quanto sopra non è valso a niente e al fischio finale sono state imputate alla società di Suning intenzioni assolutamente lontane anni luce da quanto effettivamente esternato dai rappresentanti interisti.

Pioli & C., hanno perso l’incontro anche per l’assurdo arbitraggio di Rizzoli ma nessun dirigente dell’Inter ha gridato parole d’odio o offensive nei riguardi della Juventus o dello stesso arbitro.

Poi è spuntato fuori il famoso filmato in cui si evince come Icardi sia stato bloccato maldestramente  e inspiegabilmente dopo aver agganciato la palla su una punizione mal giocata da Chiellini.

L’infausto Rizzoli spiegherà, in seguito, alle Iene che la palla era in movimento, pur sapeessendo acclarato che non fosse così, dichiarando inoltre che l’Inter ha fatto polemica per avere una riduzione della pena per le squalifiche di Icardi e Perisic.

Continuo con l’articolo di Lapo De Carlo da FcInterNews:

“…frase sgradevole e incongrua con la verità. Perché la società anche in questo caso non ha fatto alcuna dichiarazione attraverso alcun dirigente. In precedenza Marotta dava lezioni di stile all’Inter e agli interisti sulla cultura degli alibi e l’accettazione della sconfitta, per poi sentire John Elkann offendere la comunità degli interisti attribuendogli una certa abitudine alla sconfitta. Il giorno dopo un comunicato della società nerazzurra prendeva le distanze da questo atteggiamento da parte della Juventus. Eppure la stampa nazionale ha presentato la questione come una polemica tra le due società. Senza contare che le parole di Elkann sono state salutate con entusiasmo dai tifosi bianconeri e rimbrottate con un mezzo sorriso dagli opinionisti. Siamo stati chiamati tutti, se di fede nerazzurra, come dei vittimisti, dei piangina e altri luoghi comuni perfetti per disinnescare ogni sussulto polemico.

La società Juventus si rivolgeva ai tifosi dell’Inter che scrivono sui social, a quelli che vanno allo stadio. Se la prendeva con voi perché, se nessuno della società ha parlato, chi invece si arrabbiava era il tifoso, a cui è stato dato pretestuosamente il potere di rappresentare l’Inter e la sua cultura. Persino il giornalista Claudio Cerasa, indubitabilmente interista, su Il Foglio praticava una maldestra operazione di autocritica, infliggendo una serie di pugnalate alla storia dell’Inter attraverso ricostruzioni superficiali e provocatorie, mirando a definire l’Inter una società che si “vittimeggia”. Come se l’Inter, qualunque presidenza o dirigenza abbia, tendesse a ripetere lo stesso errore. Articolo sventolato orgogliosamente dal popolo bianconero in questa guerra tragicomica. Un po’ come se gli interisti facessero altrettanto con gli articoli durissimi verso la Juve dello juventino Marco Travaglio.

La morale è che non serve e forse non è mai servito avere stile. In questo che non è più da tempo uno sport, vince l’arroganza e chi urla più forte. L’Inter fa spallucce mentre la sua reputazione viene offesa, passando oltre ma intanto il sottotraccia che è stato presentato mediaticamente è che l’Inter si è lamentata senza averlo fatto, ha dato a voi la mansione di uffici stampa dell’Inter, delegandovi lagnanze che sono nel vostro diritto. Nessun alibi, nessuna petulanza da parte della dirigenza. La consapevolezza dei limiti tecnici è intatta ma la società Inter è ora che diventi più aggressiva o robusta comunicativamente, perché la sua passività è stata manipolata e strumentalizzata. Amala”

Annunci

Autore: massimomelani-italiasenzagiustizia

Con i miei articoli capirete perchè non avere mai a che fare con le toghe italiche è vivere sereni. Parlerò anche di moda, attualità e politica...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...